Federazione Italiana Attività Subacquee

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Federazione Italiana Attività Subacquee
Logo Federazione Italiana Attività Subacquee
Fondazione 1972
Nazione Italia Italia
 

La Federazione Italiana Attività Subacquee (FIAS) è un'associazione italiana non-profit che addestra all'attività subacquea e offre corsi di approfondimento relativi alla biologia marina e alla salvaguardia dell'ambiente. Si pone come obiettivi la ricerca e la salvaguardia del mondo marino ed opera per la valorizzazione e la tutela dell'ecosistema.

Contraria per statuto alla pesca subacquea offre approfondimenti e pratica ricerche nei campi dell'ecologia (es. Progetto MAC), dell'archeologia subacquea e della valorizzazione ambientale.

È membro della CMAS (Confédération mondiale des activités subaquatiques) e della CIAS (Confederazione Italiana delle Attività Subacquee). Fa parte del Comitato ministeriale della protezione civile ed è iscritta nel registro nazionale CONI in quanto affiliata allo CSAIn (ente di Promozione Sportiva riconosciuto dal CONI).

Ha istituito corsi con altre organizzazioni affinando tecniche quali l'idrospeed ed il rafting.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La FIAS nasce nel 1968 come ENAL-FIAS per poi diventare autonoma nel 1972, anno a cui si è sempre fatto riferimento come nascita ufficiale dell'organizzazione.

La neonata FIAS si presenta con il motto

« La Federazione dei subacquei creata dai Subacquei per i Subacquei.[1] »

Dirigenza[modifica | modifica sorgente]

Attuale presidente: Bruno Galli

Attuale direttore del Centro Tecnico Nazionale: Gianni Escuriale

Struttura[modifica | modifica sorgente]

La FIAS opera nel territorio attraverso le Sezioni Territoriali, i Circoli e i Punti Mare.

Sezioni territoriali
  • FIAS Arezzo
  • FIAS Albenga
  • FIAS Alessandria
  • FIAS Bari
  • FIAS Bergamo
  • FIAS Biella
  • FIAS Bologna
  • FIAS Bolzano
  • FIAS Brunico
  • FIAS Caserta
  • FIAS Cesena
  • FIAS Como
  • FIAS Cosenza
  • FIAS Empoli
  • FIAS Firenze
  • FIAS Genova
  • FIAS Lecce
  • FIAS Livorno
  • FIAS M.B. Valle d'Aosta
  • FIAS Napoli
  • FIAS Novara
  • FIAS Parma
  • FIAS Piacenza
  • FIAS Ravenna
  • FIAS Roma
  • FIAS Siena
  • FIAS Torino
  • FIAS Trento
  • FIAS Treviso
  • FIAS Udine
  • FIAS Varese
  • FIAS Verona

Progetti[modifica | modifica sorgente]

Il Progetto MAC (Progetto Monitoraggio dell'Ambiente Costiero), nato in FIAS ed ora esportato a tutto il mondo subacqueo, ha lo scopo di far collaborare il mondo scientifico con il mondo subacqueo. Consiste nel monitoraggio periodico della flora e della fauna marine in alcuni siti selezionati.

Didattica e Brevetti[modifica | modifica sorgente]

La Fias offre vari corsi[2] di formazione per l'attività subacquea e rilascia brevetti federali riconosciuti dalla CMAS. Alcuni corsi sono anche stati certificati ISO[3].

La didattica, definita 'mediterranea', è stata studiata tenendo presente le caratteristiche dei mari e dei laghi italiani, che presentano caratteristiche di maggiore difficoltà rispetto ai mari tropicali.

La sicurezza è considerata molto importante e per questo nei corsi Fias si dedica molto tempo anche all'acquaticità.

I corsi si articolano in due gruppi: formazione e specializzazione.

Corsi di formazione[modifica | modifica sorgente]

  • Junior;
  • Base, equivalente all'OWD;
  • A.R.A., equivalente all'AOWD;
  • A.R.A. Estensione;
  • Allievo Istruttore;
  • Aspirante Guida Nuoto in Acqua Viva;
  • Guida Nuoto in Acqua Viva;
  • Istruttore A.R.A.;
  • Istruttore di Nuoto in Acqua Viva;
  • Istruttore Fotosub;
  • Istruttore Immersioni Avanzate con Aria;
  • Istruttore Nuoto Attrezzato;
  • Istruttore Videosub;
  • Maestro Istruttore;

Corsi di specializzazione[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Storia, struttura e filosofia didattica della FIAS http://www.fias.it/index.php?option=com_content&task=view&id=127&Itemid=128
  2. ^ Elenco dei corsi presenti sul sito ufficiale http://www.fias.it/index.php?option=com_content&task=view&id=168&Itemid=179
  3. ^ La certificazione ISO-CEN http://www.fias.it/index.php?option=com_content&task=view&id=137&Itemid=108