Faust (Avatar Press)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Faust
Lingua orig. Inglese
Alter ego John Jaspers
Autori
Editore Rebel Studios
1ª app. 1991
1ª app. in Faust: love of the damned n. 1
Specie demone
Sesso Maschio
Abilità
  • forza e velocità sovrumane
  • parziale invulnerabilità
  • fattore rigenerante
  • metamorfosi
  • immortalità
Parenti Blue (fidanzata, deceduta)

Faust è un personaggio dei fumetti, creato nei primi anni 90 dallo sceneggiatore David Quinn e dal disegnatore Tim Vigil.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini del personaggio, come del resto il nome, sono una rivisitazione in chiave moderna della popolare leggenda del dr. Faust (trasposta a romanzo nel diciannovesimo secolo da Johann Wolfgang von Goethe): John Jaspers, pittore di talento, ma di fama piuttosto scarsa, trascorre una tranquilla esistenza da artista, fino a che un giorno dei criminali lo aggrediscono e uccidono sotto i suoi occhi la donna che ama. Sconvolto, John decide di suicidarsi, ma viene fermato da un misterioso individuo di nome M, capo di un'organizzazione criminale a sfondo satanico chiamata La Mano: costui, misteriosamente a conoscenza del suo dramma, gli propone un patto: gli darà poteri illimitati, grazie ai quali potrà vendicare la morte della fidanzata, al prezzo però della sua anima: John accetta e firma il patto con il suo sangue, dopodiché uccide brutalmente i criminali che hanno ucciso la sua ragazza. Le terribili conseguenze del suo patto con M (che in realtà altri non è che il demone Mefistofele, ambasciatore di Satana sulla Terra) però non tarderanno ad arrivare: John ha si ottenuto capacità sovrumane, ma finirà per trasformarsi in un essere mostruoso ed assetato di sangue, che prenderà il nome di Faust (armato di lame d'acciaio innestate sui polsi che possono tagliare in due una persona come un pezzo di burro), e da quel momento vivrà soltanto per uccidere e spargere sangue, nonché per vendicarsi di M, l'uomo che lo ha tradito.