Estadio Azul

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Azul
Cruzazulst.png
Informazioni
Stato Template:Messico
Ubicazione Città del Messico
Inizio lavori
Inaugurazione 1947
Costo  
Mat. del terreno Erba
Proprietario OCESA
Progetto Pedro Ramirez Vasquez e Rafael Mijares
Uso e beneficiari
Calcio Cruz Azul
Capienza
Posti a sedere 36.000
 

Lo Stadio Azul è uno stadio di calcio di Città del Messico, che ha una capacità di 35.161 spettatori, e dal 1996 è la "casa" del Cruz Azul, squadra di Primera División messicana. Precedentemente era sede anche dei club: America (1947-1955), Necaxa (1950-1955) e Atlante (1947-1955, 1983-1989, 1991-1996 e 2001-2002).


Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fu inaugurato con il nome di stadio olimpico della città dello sport il 6 febbraio del 1946 con una partita di football americano tra i Pumas e Los Aguiluchos del Heroico Colegio Militar, la partita fu vinta dalla squadra universitaria con un risultato di 16-14.


Originariamente costruito per praticare il football americano, si utilizzo per questo sport fino agli anni '50 solo successivamente si riutilizzò per il football dal 1968 ai primi anni Novanta.

Il 5 gennaio 1947 si giocò la prima partita di calcio tra il Veracruz e il Racing Club (squadra argentina), la vittoria andò ai messicani per 2 a 1; divenne sede dei principali club della capitale fino al 1955. Nel 1983 divenne la casa del Club Atlante e viene rinominato stadio azulgrana fino al 1996, quando la compagnia OCESA compra lo stadio per parte del Cruz Azul; il 10 agosto 1996 lo stadio riceve la sua nuova denominazione di "Stazio Azul".

Infrastrutture[modifica | modifica wikitesto]

All'arrivo del Cruz Azul, si sono fatti numerosi lavori di ristrutturazione per rendere lo stadio più sicuro comodo e adeguato ai bisogni dei tifosi.


Link[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]