Dymaxion

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dymaxion House, installazione all'Henry Ford Museum

Dymaxion è il nome che l'architetto Richard Buckminster Fuller attribuì a differenti progetti, per sottolineare come egli intendesse ognuno di essi come parte di un vasto progetto per migliorare le condizioni di vita dell'uomo: la "Dymaxion philosopy".

Tra i progetti vi erano l'abitazione prefabbricata "Dymaxion House", l'automobile "Dymaxion Car" e la Dymaxion Map (o Proiezione di Fuller), un sistema di rappresentazione bidimensionale della Terra.

"Dymaxion" è un composto aplologico costituito da tre tra le parole preferite di Fuller: DY (dynamic), MAX (maximum), and ION (tension)[1][2].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Buckminster Fuller in Bohemian Bellhole, 31-07-2008. URL consultato il 29-10-2010.
  2. ^ National Automobile Museum.

Fonti[modifica | modifica sorgente]

  • Leigh White, Buck Fuller and the Dymaxion World, in: The Saturday Evening Post, 14 October 1944, cited in: Joachim Krausse and Claude Lichtenstein (eds.), Your Private Sky, Lars Müller Publishers, Baden/Switzerland, 1999, page 132. ISBN 3-907044-88-6