Diodoro di Aspendos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Diodoro di Aspendos (Διόδωρος; Aspendos, ? – ...) è stato un filosofo greco antico vissuto nel IV secolo a.C.

Diodoro fu un pensatore che seguì la filosofia di Pitagora, anche se si tramanda che avesse adottato lo stile di vita dei cinici: si lasciava infatti crescere i capelli e la barba girovagando a piedi nudi con un bastone e una sacca. [1] [2]. Tuttavia nonostante questi suoi atteggiamenti la sua adesione al cinismo non è sicura [3]

Giamblico scrive che Diodoro era stato ammesso tra i Pitagorici tramite Aresa di Lucania sopravvissuto al sacco di Crotone che fu scolarca per per un breve periodo. Giamblico aggiunge che Diodoro fu accolto poiché a quel tempo c'era una mancanza di aderenti al pitagorismo («per la penuria di Pitagorici regolari») [4]

Al ritorno dall'Italia in Grecia , Diodoro iniziò a diffondere per via orale gli insegnamenti della scuola soprattutto trattando i temi legati alla morale e alla conduzione di vita pitagorica [5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Robert Bracht Branham; Marie-Odile Goulet-Cazé. The Cynics: The Cynic Movement in Antiquity and Its Legacy. University of California Press; 1996, p. 371.
  2. ^ Trevor Curnow. The Philosophers of the Ancient World: An A-Z Guide. Bloomsbury Publishing; 2006. pp. 100–101.
  3. ^ R. Bracht Branham; Marie-Odile-Goulet Caze. Os Cínicos. Loyola; p. 437.
  4. ^ I pitagorici (elenco)
  5. ^ Leonid Zhmud. Pythagoras and the Early Pythagoreans. Oxford University Press; 2012, pp. 132, 134.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]