Costo variabile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Scomposizione del costo totale come somma dei costi fissi (approssimativamente costanti) e dei costi variabili.

Per costo variabile si intende quel costo che dipende strettamente dalla quantità prodotta e si definisce come differenza fra il costo totale C(q) e il costo fisso C_0:

\Delta C(q) = C(q) - C_0

Si distingue in base alla relazione con la quantità di merce q:

  • proporzionale, se varia in modo proporzionale con essa;
  • progressivo, se varia in modo più che proporzionale con essa;
  • regressivo, se varia in modo meno che proporzionale con essa.

Un esempio di costo variabile è costituito dal costo associato alle materie prime.

Si pensi al caso in cui un'azienda utilizzi due fattori produttivi (ad esempio, gli ingredienti utilizzati per preparare pasticcini e i macchinari che preparano i dolci): appare immediato che il costo degli ingredienti varia a seconda della quantità di ingredienti utilizzati. Nel caso più semplice, detto p il prezzo del fattore e x la quantità del fattore, il prezzo è evidentemente costante, e quindi il costo (Cv = p * x) è inevitabilmente legato alla variabile x. All'opposto dei costi variabili, vi sono i costi fissi, che nascono indipendentemente dalle quantità di inflow e outflow: appare infatti evidente che il macchinario utilizzato dall'azienda pasticciera, una volta acquistato, ha lo stesso costo sia che si producano pasticcini sia che non si produca alcunché.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

economia Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia