Cosimo Aldo Cannone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cosimo Cannone
Principe Cosimo.jpg
Dati biografici
Nome Cosimo Aldo Cannone
Nazionalità Italia Italia
Altezza 176 cm
Motonautica Water motorsports pictogram.svg
Dati agonistici
Categoria Endurance S1
Statistiche aggiornate al Gran Premio di Nettuno 2008

Cosimo Aldo Cannone di Macedonia (Brindisi, 20 marzo 1984) è un pilota motonautico italiano, noto come Principe di Macedonia, per via delle sue discendenze nobiliari; nel mondo dello sport è soprannominato anche Alcan (da "Aldo Cannone").

In motonautica competeva nella categoria Endurance S1; è stato due volte il campione del mondo, vincendo le edizioni 2007 e 2008 del mondiale UIM.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Nel 2003 si iscrive nella categoria Endurance S2 campionato italiano, ma viene squalificato a prima gara per irregolarità del motore danneggiandoli così tutta l’annata agonistica. Solo l’anno seguente si scoprirà che l’errore fu dipeso da un ufficiale di gara.

L'anno successivo si inscrive nella classe S3 campionato italiano con imbarcazioni con potenze maggiorate, debutta conquistando alcuni 2° e 3° podi.

Nel 2005, sempre in categoria Endurance S3 del campionato italiano nel Gran Premio città di Palermo, conquista il primo scalino sul podio. Nello stesso anno ottiene anche un secondo posto nella classifica del campionato italiano.

Le prime vittorie[modifica | modifica sorgente]

Nel 2006 cambia imbarcazione, e nella prima tappa del Gran Premio città di Palermo ha ottenuto buoni risultati classificandosi 2º.

Nel Gran Premio città di Brindisi sfiora la prima vittoria, classificandosi nuovamente 2°.

Impressiona nel Gran Premio città di Cesenatico conquistando il 1º posto.

Problematiche al motore li fanno aggiudicare il terzo posto al GP città di San Nazzaro.

Al GP città di Como più conosciuto come la 100 miglia del ario si qualifica 2º, e accumulando 1525 punti totali, facendoli così conquistare la sua prima medaglia d’oro al campionato italiano.

Cannone al volante dell'imbarcazione nel 2007

L’anno d’oro[modifica | modifica sorgente]

Nel 2007, La categoria Endurance S3 campionato italiano cambia nome in Endurance S1. L'anno Inizia malissimo con il Gran Premio città di Verbania, valido come doppio GP (1ª gara il sabato e 2ª gara la domenica), non classificandosi affatto e di conseguenza non ricevendo alcun punteggio, deve partire da 0 punti mentre i suoi rivali in gioco avranno un vantaggio di 700 punti.

La gara successiva gli fa conquistare il primo posto al GP città di Domaso dove il motore era stato cambiato con un prototipo messo a punto dal Team della sua scuderia.

Nel GP di Bellaria - Igea marina, conquista nuovamente il primo posto, invece per i suoi rivali in gioco va male costretti al ritiro a causa di un problema all'elica del motore.

Al GP città di S. Benedetto (Pescara) trionfa nuovamente dando un distacco notevole di 1 miglio e ½, rimontando tra i primi posti nella classifica di campionato italiano, dimostrando di essere superiore ad altri.

All’ultimo ed ormai noto GP città di Como o 100 miglia del Ario, grazie ad una buona partenza, centra un'altra vittoria ottenendo anche il giro più veloce, conquistando nuovamente il campionato italiano dimostrando di avere tutte le carte in regola per partecipare al mondiale.

Un mese più tardi viene invitato dalla U. I.M (Union Internationale Motonautique) per partecipare al campionato del mondo che si svolge quell'anno in Italia, ad Anzio (RM), e nella competizione della cittadina laziale, si trova invischiato in una miriade contendenti provenienti da tutto il Mondo. Il gioco sembra difficile 3 gare sullo stesso tracciato il venerdì il sabato e la domenica. Ogni gara a un totale del percorso di 80,08 Mn, le condizione meteo non aiutano affatto il venerdì la forza del vento e pari a 4 la gara non potrà essere rimandata per una crescita del vento nei giorni successivi. All’inizio della prima gara comincia a piovere molto forte limitando così la visualità del percorso di gara. Alla partenza Cannone riesce a piazzarsi primo avendo il vantaggio di possedere una ghiglia prettamente per il mare permettendoli così di cavalcare le onde. termina la prima gara distrutto fisicamente arrivando solo al traguardo, conquistando il primo podio. Le cose vanno peggio il sabato nella seconda gara dove uno dei flap si blocca sin da l’inizio per un mal funzionamento del impianto idraulico ed al ultimo giro ne risente la guida servo idraulica bloccandosi quasi del tutto permettendoli di arrivare primo per un soffio. Va meglio la domenica, il mare sembra calmarsi improvvisamente e può spingere così la sua imbarcazione ai massimi regimi finendo per arrivare primo nuovamente, ottenendo il giro più veloce su tutto il tracciato laureandosi per la prima volta nella sua carriera come Campione del Mondo di Endurance S3 con 3 vittorie su 3 e 1200 punti iridati.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Foto del 2008
ValoreAtleticoN3.png

Medaglia di bronzo al valore atletico

ValoreAtleticoN1.png

Medaglia d'oro al valore atletico

Vittorie[modifica | modifica sorgente]

  • 2005: Palermo
  • 2006: Cesenatico
  • 2007: Domaso, Bellaria – Igea marina, San Benedetto, Como, Anzio
  • 2008: Nettuno

Statistiche personali[modifica | modifica sorgente]

  • Gp disputati: 27
  • Mondiali vinti: 2
  • Vittorie: 12
  • Giri veloci: 10
  • Podi: 23

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]