Connecticut Panhandle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il Connecticut Panhandle e "l'Oblungo"

Il Connecticut Panhandle è l'appendice sud-occidentale del Connecticut, confinante con lo stato di New York. È contenuto interamente nella Contea di Fairfield e comprende le città di Greenwich, Stamford, New Canaan e Darien,[1] insieme a parti di Norwalk e include alcune delle zone residenziali più costose degli Stati Uniti d'America.

L'irregolarità nel confine è il risultato di dispute territoriali nel tardo XVII secolo, culminate con New York che rinunciò alle pretese sull'area i cui residenti si consideravano parte del Connecticut, in cambio di un'area equivalente che si estendeva a nord da Ridgefield fino al confine con il Massachusetts, insieme alla città di Rye.[2]

Le due colonie britanniche (al tempo non ancora stati degli USA) negoziarono un accordo il 28 novembre 1683 istituendo il confine tra New York e Connecticut a 32 km (20 miglia) ad est del fiume Hudson, a nord del Massachusetts. L'area di circa 250 km² ad est del fiume Byram che costituiva il Connecticut Panhandle fu assegnata al Connecticut, come riconoscimento delle aspirazioni dei residenti. In cambio, Rye fu assegnata a New York, insieme a 3 km di striscia di terra che correva verso nord da Ridgefield verso il Massachusetts, insieme alle Contee di Dutchess, Putnam e Westchester, conosciute come "l'Oblungo".

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Frank R. Abate, Connecticut Trivia, Thomas Nelson Inc, 2001, p. 19, ISBN 9781558539259.
  2. ^ Mark Stein, How the States Got Their Shapes, HarperCollins, 2008, pp. 198–199, ISBN 9780061431395.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Coordinate: 41°07′01.2″N 73°29′56.4″W / 41.117°N 73.499°W41.117; -73.499 (Connecticut Pandhandle)