Coibentazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La coibentazione è una tecnica per isolare due sistemi aventi differenti condizioni ambientali, in modo che i due sistemi non scambino calore o vibrazioni sonore tra di loro. La coibentazione può offrire dunque isolamento termico, acustico o termoacustico.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Tipicamente la coibentazione viene effettuata interponendo tra le due parti specifici materiali (ad es. pannelli) che non permettono lo scambio di calore, nel caso di isolamento termico (cappotto termico), o lo scambio di vibrazioni, nel caso di isolamento acustico.

La coibentazione riveste un ruolo rilevante in molti processi industriali, per motivi di natura tecnica, ma anche in ambito domestico, soprattutto per i nuovi e sempre più necessari criteri di efficienza energetica di un'abitazione, ad esempio nelle fasi di progettazione, realizzazione e gestione di un green building. Tale certificazione è stata stabilita con la Direttiva Europea 2002/91/CE.

Un'adeguata coibentazione termica delle pareti di un edificio permette di ridurre il flusso termico uscente dall'ambiente interno (casa, ambiente da mantenere caldo) verso l'esterno freddo, nella stagione fredda. Viceversa, durante la stagione calda impedisce che il flusso termico penetri nell'edificio (parte interna da mantenere fredda).

Materiali per la coibentazione termica[modifica | modifica sorgente]

I materiali impiegati per la coibentazione termica sono i cosiddetti materiali termicamente isolanti, vale a dire tutti quei materiali che sono caratterizzati da una bassa conducibilità termica. In linea di massima un isolante è un materiale con una struttura composta da fitte celle, dove è contenuto un gas a bassa conducibilità termica come può essere l'aria.

Ne sono un esempio le scorie solide in uscita dagli altiforni (impiegati per l'estrazione di alcuni metalli come il ferro, dai propri minerali). Queste, dopo opportuni trattamenti, vengono impiegate anche per la coibentazione termica ed acustica.

Per l'isolamento termico vengono usati vari materiali: poliuretano espanso, lana di roccia, lana di vetro, gomme sintetiche a bassa conducibilità termica, polistirolo espanso, fibroceramica, sughero.

Storicamente sono stati diffusamente utilizzati materiali contenenti amianto (asbesto) per le notevoli capacità di resistenza al calore, al fuoco ed all'attrito. I materiali contenenti amianto - come l'Eternit - sono stati ora eliminati in molte nazioni per i loro gravi effetti a medio e lungo termine sulla salute umana.

Il poliuretano espanso può essere iniettato direttamente tra la conduttura e il rivestimento (sostenuto da appositi distanziatori per dare il giusto spessore di coibente) da un macchinario che miscela i due componenti (isocianato e poliolo).

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]