Cittadinanza digitale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Con lo sviluppo dell’e-government ed in generale dell'utilizzo della rete, molti servizi pubblici sono accessibili anche dal web, in modo digitale. La riconfigurazione dei diritti e dei doveri dei cittadini legata a questa evoluzione tecnologica prende il nome di Cittadinanza Digitale.

La Cittadinanza Digitale non è alternativa alla forma di cittadinanza "tradizionale". Anzi, la Cittadinanza Digitale non è altro che l’estensione naturale, il completamento e l’interpretazione globale delle nuove forme di interazione e di vita sociale e politica. La Cittadinanza Digitale non è una forma “diversa” di cittadinanza, ma l’estensione della cittadinanza che abbiamo fin qui conosciuto. Così, si può superare il dualismo digitale-non digitale, e riconoscere un confine tra i due solo perché il non digitale limita l’esercizio di alcuni diritti (partecipazione, informazione, interazione) che grazie al digitale possono essere pienamente esercitati.

Il tema della Cittadinanza Digitale diventa primario, oggi, nella "Società dell'informazione e della conoscenza", perché il livello dei servizi pubblici (in termini di qualità, fruibilità, accessibilità, tempestività) dipende dalla condizione “tecnologica” di chi ne usufruisce: la disparità di trattamento dei cittadini è direttamente proporzionale alla loro capacità di accedere alla rete. Da qui, la stretta correlazione con le problematiche legate al digital divide (sociale, geografico, generazionale) e alla necessità, per i cittadini, di acquisire le competenze digitali necessarie ad esercitare i propri diritti.

Testi consigliati[modifica | modifica sorgente]

  • AAVV. (2010), Il Senso dell'Innovazione, Edizioni Plus, Pisa.
  • Gianluigi Cogo (2010), La Cittadinanza Digitale, Edizioni della Sera.
  • Concas G., De Petra G., Gallus G., Ginesu G., Marchesi M., Marzano F.(2009), Contenuti aperti, beni comuni. McGrawHill.[1]
  • Fiorini, L., a cura di (2009), Cittadinanzadigitale. Quaderni di documentazione dell'Istituto Pedagogico di Bolzano. Edizioni Junior.
  • Vianello, M. (2010), Ve 2.0. Marsilio.
  • Zocchi, P., Iacono G., (2005), L'Innovazione Tradita. Editori Riuniti.
  • Iorio G., 2008, L’attesa,Inchiesta sulla cittadinanza digitale nei municipi italiani, Milano.

Link suggeriti[modifica | modifica sorgente]