Chitarrone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chitarrone
Page 348 (A Dictionary of Music and Musicians-Volume 1).jpg
Informazioni generali
Origine Italia
Invenzione XVI secolo
Classificazione Cordofoni composti, con corde parallele alla cassa armonica, a pizzico
Famiglia Liuti a manico corto
Utilizzo
Musica rinascimentale
Musica barocca
Genealogia
Antecedenti
Liuto, Tiorba

Il chitarrone è uno strumento musicale a corde.

È una varietà tipicamente italiana della tiorba, tanto che viene spesso indicata come tiorba romana. Caratterizzato da un piano armonico e un manico di notevoli dimensioni, il chitarrone contava 14 corde o cori, sei montati su tastiera secondo l'accordatura del liuto, e otto a vuoto accordati diatonicamente. Questo strumento italiano aveva le misure d'un uomo. La cassa era quella d'un grande liuto ma la disposizione dei piroli era differente. Il cavigliere era ritto invece che ripiegato indietro, sopra di esso il manico continuava per considerevole lunghezza e recava in cima un altro cavigliere per i bordoni.

Michael Praetorius distinse due tipi principali: il chitarrone padovano, alto oltre 2 metri, con otto ordini di corde sulla tastiera; e il chitarrone romano, alto 1,80 metri, con soltanto sei ordini di corde sulla tastiera. Le due corde d'ogni ordine sono accordate in ottava. Un terzo tipo, il chitarrone bolognese, era incordato con corde metalliche.

Benché generalmente utilizzato come sostituto del liuto nei complessi cameristici, vi sono esempi anche di intavolature solistiche. In particolare Giovanni Girolamo Kapsberger, Primo libro d'intavolatura di chitarrone, e Alessandro Piccinini, Intabulatura di liuto et di chitarrone (1623). Giulio Caccini utilizzò un chitarrone di avorio per accompagnare il canto. Veniva suonato solo con il pollice, l'indice ed il medio della mano destra.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica