Caccia al tesoro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La caccia al tesoro è un gioco di società in cui i concorrenti, organizzati in squadre oppure singolarmente, devono trovare determinati oggetti nascosti.

Il gioco si può svolgere in ambiente chiuso oppure meglio in spazi aperti, anche di estensione geografica. In questo caso gli spostamenti possono avvenire con automobili o altri mezzi.

Tipologie di caccia al tesoro[modifica | modifica wikitesto]

Esistono vari tipi di caccia al tesoro:

  1. I giocatori devono trovare un oggetto nascosto (che può essere il premio stesso) seguendo una catena di indizi, a loro volta nascosti. Alla partenza viene comunicata ai partecipanti in forma enigmatica la posizione del primo indizio. Questo può essere un biglietto nascosto su cui sono riportate le istruzioni per giungere alla tappa successiva e così via per un numero arbitrariamente alto di passaggi, fino a raggiungere il tesoro nascosto.
  2. Ai giocatori viene consegnato un elenco di oggetti che devono essere reperiti. La vittoria spetta a chi consegna il maggior numero di oggetti entro un tempo limite oppure consegna tutti gli oggetti nel tempo minore. Gli oggetti possono essere precedentemente posizionati sul territorio di gioco dagli organizzatori oppure presenti naturalmente. Per ravvivare il gioco può essere richiesta la presentazione di particolari persone (es. un fabbro, un parrucchiere) oppure la risoluzione di giochi di abilità o enigmistici.
  3. Simili alle cacce al tesoro sono i contest radioamatoriali in cui i concorrenti, attrezzati con apparati radio veicolari devono raggiungere una postazione nascosta sul territorio con l'ausilio di comunicazioni radio e tecniche di orientamento.
  4. Con l'avvento di internet, e l'uso sempre più intensivo della rete, si è diffusa anche nel web la tendenza a organizzare cacce al tesoro "virtuali" on-line.

Advergame[non chiaro] e nuove tecnologie[modifica | modifica wikitesto]

La prima Caccia al Tesoro disputata on-line è stata realizzata dalla NET'Nmedi@ di Palermo (http://www.netnmedia.com) nel 2008 con tecnologia Apple Quicktime e consisteva nel cercare oggetti interattivi da cliccare, nascosti in immagini a 360 gradi ; i primi 500 giocatori della classifica finale che hanno risposto alle domande visualizzate a seguito del ritrovamento dei suddetti oggetti, hanno concorso all'estrazione dei premi in palio (http://www.cacciaaltesoroonline.it).

Con la diffusione degli apparati di localizzazione personale basati su GPS ha incrementato la propria popolarità una caccia al tesoro ibrida basata in parte su internet ed in parte sul territorio, detto Geocaching: in un sito web apposito vengono pubblicate longitudine e latitudine di un tesoro (generalmente una scatola contenente semplici gadget), nascosto da qualche utente del sito stesso, che deve essere trovato da altri utenti solo tramite le coordinate fornite.

È interessante anche l'idea di LOG607 [1] che ha sviluppato la piattaforma di gioco whaiwhai' [2] dove chiunque (turista, residente, azienda, gruppo) e in qualunque momento può giocare una caccia al tesoro in particolari città (Venezia, Roma, Firenze, Verona, Milano) nelle quali al giocatore-viaggiatore viene lasciata la libertà di definire il momento in cui avviare la partita, la durata, il livello di difficoltà degli enigmi e la modalità di gioco (può giocare da solo o in sfida con altri), per conoscere le città cogliendone gli aspetti meno usuali e più autentici. Gli enigmi in queste città hanno a che fare con gli aspetti più originali delle città stesse.

Famose in Italia:

- La Caccia al Tesoro di Sorrento, che con il patrocinio del Comune di Sorrento, dal 1984 si svolge per le strade della Penisola Sorrentina. Ad aggiudicarsi il tesoro è la squadra che riesce a risolvere gli indizi nel minor tempo possibile, recarsi nel luogo indicato dall'indizio appena risolto e recuperare l'indizio successivo. La squadra che risolve per prima tutti gli indizi vince. Il primo indizio viene consegnato alle ore 00:01 del 25 dicembre e l'intera caccia può avere una durata di circa 48 ore no-stop e vede le squadre partecipanti impegnarsi nella risoluzione di enigmi e prove multidisciplinari oltre che esortano alla riscoperta della storia e del territorio.

- Un'altra realtà è stata sviluppata dall'associazione di promozione sociale The day communication [3] e si tratta di cacce al tesoro estreme, per centinaia di persone e dal contenuto emotivo particolarmente adrenalinico (per esempio, quella che avviene ogni anno a Vicenza la notte di Halloween).

- Di recente, di importazione dai Paesi Bassi, è possibile giocare anche in Italia ad una innovativa formula, basata sempre sul gps, a squadre o in piccoli gruppi a "Caccia al ladro" o a "Caccia al tesoro" (Codecrackers)sia per scoprire lati nascosti delle città italiane, sia per attività di team building. Proprio con la finalità turistica e di promozione del territorio, il Comune di Monza ha organizzato un gpsgames [4] per le vie del centro storico, personalizzando la "storia" e gli indizi e dare modo di conoscere parte della tradizione e della storia monzese. I gpsgames sono la nuova frontiera dell'uso dei dispositivi gps, che servono sia come localizzatori che come vere e proprie armi per sconfiggere i team avversari e creare trappole per il ladro. [5]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]