Armistizio di Mosca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri trattati di pace siglati tra Finlandia e URSS, vedi Trattato di Mosca.
Territori che la Finlandia cedette all'Unione sovietica dopo la Guerra di continuazione. Porkkala venne riottenuta dalla Finlandia nel 1956.

L'armistizio di Mosca è un armistizio firmato dalla Finlandia e dall'Unione sovietica il 19 settembre 1944 al termine della guerra di continuazione.

Gli ultimi trattati di pace tra i due stati furono siglati a Parigi nel 1947.

Condizioni di pace[modifica | modifica wikitesto]

Le condizioni di pace erano simili a quelle accettate nel trattato di Mosca del 1940 al termine della guerra d'inverno: la Finlandia fu obbligata a cedere parte della Carelia e di Salla, oltre ad alcune isole nel golfo di Finlandia. Il nuovo armistizio aggiunge la cessione di Petsamo e Porkkala (quest'ultima per un periodo di cinquant'anni) all'URSS.

Altre condizioni includevano il pagamento di 300 milioni di dollari all'Unione sovietica come risarcimento di guerra. La Finlandia accettò di legalizzare le organizzazioni ed i partiti comunisti e di bandire quelle organizzazioni che l'URSS avesse segnalato come "fasciste". I responsabili di guerra dovettero essere arrestati e giudicati: un caso eclatante fu quello di Risto Ryti. Le truppe tedesche dovettero uscire dal territorio finlandese, a capo di una campagna militare in Lapponia.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]