Alimento fortificato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un alimento funzionale fortificato ("fortified food") è un alimento che, sulla base di accertate evidenze scientifiche e di carenze attese nella popolazione, attraverso specifici processi tecnologici, è addizionato di micronutrienti e/o altre sostanze di interesse nutrizionale con l'intento di aumentare la loro assunzione nei singoli individui[1][2].

Sono utilizzati per ripristinare le carenze vitaminiche di specifici settori di popolazione (soprattutto nei paesi in via di sviluppo o in pazienti con particolari malattie).

In tali alimenti, a differenza degli alimenti arricchiti ("enriched food") in cui è incrementata la concentrazione di sostanze nutrienti già presenti naturalmente, viene addizionato un nutriente ex-novo. Ne sono un esempio: il sale iodato (addizionato di iodio[3]), i fiocchi di cereali addizionati di vitamine e minerali; i fertilizzanti al selenio.

Alimenti funzionali arricchiti e fortificati possono essere considerati nutraceutici: prodotti a metà strada tra gli alimenti e gli integratori.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Glossario Nutrizione - ALIMENTO FORTIFICATO su glossarionutrizione.it. URL consultato il 20/3/2015.
  2. ^ La fortificazione del cibo – ottimizzare la bontà degli alimenti su eufic.org. URL consultato il 20/3/2015.
  3. ^ Augusto Innocenti, Principi di Nutrizione Umana:, Società Editrice Esculapio, 2013, p. 39, ISBN 88-7488-595-4.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]