Ailill mac Slánuill

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Per altri personaggi omonimi vedi Ailill.

Ailill, figlio di Slánoll (o Oilioll; ... – ...), è stato, secondo la leggenda e la tradizione storica irlandese medievale, re supremo d'Irlanda.

Prese il potere dopo aver ucciso il cugino Berngal. Regnò 12 o 15 o 16 anni, stando alle diverse versioni del Lebor Gabála Érenn[1] (Goffredo Keating[2] e Annali dei Quattro Maestri[3] concordano su sedici) prima di essere uccisi da Sírna Sáeglach, un pronipote di Rothechtaid mac Main. Il Lebor Gabála sincronizza il suo regno con quello di Deioce dei Medi (694 al 665 a.C.). Goffredo Keating data il suo regno dall'831 all'815 a.C., mentre gli Annali dei Quattro Maestri dal 1197 al 1181 a.C.

Predecessore Re supremo d'Irlanda Successore
Berngal LGE inizi del VII secolo a.C.
Annali dei Quattro Maestri 1197-1181 a.C.
FFE 831-815 a.C.
Sírna Sáeglach

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ R. A. Stewart Macalister (ed. e trad.), Lebor Gabála Érenn: The Book of the Taking of Ireland Part V, Irish Texts Society, 1956, pp. 239-240
  2. ^ Goffredo Keating, Foras Feasa ar Éirinn 1.26
  3. ^ Annali dei Quattro Maestri M4003-4019]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]