Abia di Giuda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Abia (in ebraico Abiyyāhū «Yahweh è mio padre»; ... – ...) fu re di Giuda per poco meno di tre anni, dal 913 al 911 a.C.[1].

Figlio di Maaca e succeduto al padre Roboamo, fu un buon generale; combatté, davanti Giuda, con quattrocentomila uomini scelti, Geroboamo, re d'Israele, a sua volta con ottocentomila uomini. Quest'ultimo aggirò l'esercito di Giuda con un agguato per colpirli alle spalle: gli Israeliti da attaccanti divennero gli attaccati e, dopo le forti grida emesse dal popolo di Giuda, fuggirono lasciando sul campo cinquecentomila uomini. Con questa vittoria Abia allargò a nord i confini di Giuda, prendendo le città di Betel, Iesana ed Efron. Sposò quattordici donne che gli diedero ventidue figli e sedici figlie. Morì per cause naturali e venne seppellito nella Città di David. Gli succedette il figlio Asa di Giuda.

Predecessore
Roboamo
Re di Giuda
913911 a.C.
Successore
Asa di Giuda

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Diego Manetti e Stefano Zuffi, I grandi libri della religione - Personaggi delle Bibbia, Milano, 2006, p. 21.