Abartach

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nella mitologia irlandese, Abartach o Abarta era uno dei Tuatha Dé Danann. Era anche conosciuto come Giolla Deacair (il duro servo) e fu associato con Fionn mac Cumhaill.

Abarta potrebbe essere associato col servo di Apollo, che gli avrebbe dato un arco d'oro dai poteri magici. Successivamente, nella cultura celtica, l'arco è stato sostituito da un cavallo magico. Possono essere notate alcune somiglianze tra Abaris e Paride), che uccise Achille con un arco e con l'aiuto di Apollo. L'uccisione da parte di Abaris di Diarmuid Ua Duibhne accoltellandolo al calcagno presenta paralleli con la storia di Achille.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Questo teonimo sembra derivare dal proto-celtico *Adbero-tekos, la cui forma britannica è probabilmente stata *Abertecos[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Borsley, Robert D.; Tallerman, Maggie O.; and Willis, David W. E. The syntax of Welsh. Cambridge: Cambridge University Press. Cambridge Journals Online - Abstract Celtic languages -- Britannica Online Encyclopedia
mitologia celtica Portale Mitologia celtica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia celtica