Zambiya

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dingir120.jpg Dove non diversamente specificato, le date menzionate in questa voce seguono la cronologia media.
Zambiya
Mappa Mesopotania (Isin).jpg
Mappa Mesopotania (Isin)
11 ° Re di Isin (I dinastia di Isin)
In carica 1836 a. C. –
1834 a. C.
Predecessore Enlil-bani
Successore Iter-pisha
Casa reale I Dinastia di Isin

Zambiya (...) è stato un sovrano amorreo dell'antico periodo babilonese [1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Zambiya, scritto cuneiforme: dza-am-bi-ia [r 1], rimase in carica negli anni che vanno da ca. il 1774 a ca. il 1772 a. C., secondo la cronologia bassa o da ca. il 1836 a ca. il 1834 a. C., secondo la cronologia media [2] , è stato il l'undicesimo re della prima dinastia dei Isin e regnò per tre anni sia in base alla Lista Reale Sumerica, che alla lista dei re di Ur e Isin [r 2][3]. Egli deve la sua notorietà per la sconfitta subita per mano di Sin-iqišam, re di Larsa.

Una sola iscrizione è nota per questo re, su frammenti di cono, [r 3] che recita:

«Zambīia, il pastore che venera Nippur, contadino che porta abbondanti, lino e grano, per Duranki, vero fornitore, che riempie il cortile del Egalmaḫ con le cose abbondanti, re di Isin, re della terra di Sumer e di Akkad, coniuge scelto dalla dea Inanna, caro al dio Enlil e la dea Ninisina, costruì la grande muraglia Isin. Il nome di quel muro è Zambīia è l'amato della dea Ištar [4]»

(Zambīia, iscrizione commemorativa per la grande parete di Isin)

Nei nomi degli anni a lui riferiti è riportato, che fece costruire 5 statue d'oro per Inanna e Nanaia[Is 1]

Una dedica votiva alla dea Nanše a nome di Zambīia è stata ripresa da una scritta e coniata su un dollaro di bronzo [5].

Reperti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ MS 1686 in the Schøyen collection
  2. ^ Ur-Isin kinglist, tablet MS 1686 line 18.
  3. ^ A 7557, IM 77073.

Iscrizioni cuneiformi[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a. mu alan ku3-sig17 5-bidinanna u3 dna-na-a-ra mu-ne-dim2 Fonte

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'indicazione degli anni è redatta secondo la cronologia media
  2. ^ D. O. Edzard, Reallexikon der Assyriologie und Vorderasiatischen Archäologie: Ia - Kizzuwatna, a cura di Erich Ebeling, Bruno Meissner, vol. 5, Walter De Gruyter Inc, 1999, p. 170.
  3. ^ Jöran Friberg, A Remarkable Collection of Babylonian Mathematical Texts: Manuscripts in the Schøyen Collection: Cuneiform Texts, Springer, 2007, pp. 231–234.
  4. ^ Douglas Frayne, Old Babylonian period (2003-1595 BC): Early Periods, Volume 4 (RIM The Royal Inscriptions of Mesopotamia), University of Toronto Press, 1990, pp. 91–92.
  5. ^ Karen Radner, Eleanor Robson, The Oxford Handbook of Cuneiform Culture, Oxford University Press, 2011, p. 569.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • D. O. Edzard, Reallexikon der Assyriologie und Vorderasiatischen Archäologie: Ia - Kizzuwatna, a cura di Erich Ebeling, Bruno Meissner, Walter De Gruyter Inc, 1999
  • Jöran Friberg, A Remarkable Collection of Babylonian Mathematical Texts: Manuscripts in the Schøyen Collection: Cuneiform Texts, Springer, 2007
  • Frans van Koppen, The ancient Near East: historical sources in translation, a cura di Mark William Chavalas, Wiley-Blackwell, 2006
  • Douglas Frayne, Old Babylonian Period (2003-1595 B.C.): Early Periods, Volume 4, University of Toronto Press, 1990
  • Karen Radner, Eleanor Robson, The Oxford Handbook of Cuneiform Culture, Oxford University Press, 2011,

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]