Wolfram Baentsch

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Wolfram Baentsch (Schneidemühl, 15 luglio 1939) è un giornalista tedesco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Schneidemühl, oggi Piła, in Polonia, ma allora capoluogo della Marca confinaria di Posen-Prussia Occidentale, è stato un quotato giornalista economico.[1]

Ha lavorato all'Handelsblatt ed a Capital, per essere poi nominato, nel 1980, primo direttore della neonata rivista Impulse. Nel 1984 passò alla guida di Wirtschaftswoche.[1]

Fu poi vicedirettore e responsabile della redazione economia del Die Welt, per poi tornare ad Impulse (1996-1997).[1]

Dopo il pensionamento si occupò a lungo dell'Affaire Barschel, pubblicando nel 2006 un libro che raccoglieva le sue ricerche sull'argomento Der Doppelmord an Uwe Barschel: Neue Fakten und Hintergründe zur größten Politaffäre der Bundesrepublik.[1]

È stato insignito della croce al merito di Germania.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (DE) Wolfram Baentsch. Der Spürfuchs, su jungefreiheit.de, 28-09-2007. URL consultato il 29-07-2014.
Controllo di autoritàVIAF (EN52234818 · ISNI (EN0000 0000 4683 9224 · LCCN (ENno2007075916 · GND (DE108404595 · WorldCat Identities (ENno2007-075916