Waleed Al-Husseini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Waleed Al-Husseini

Waleed Al-Husseini (arabo: وليد الحسيني) (Qalqilya, 25 giugno 1989) è uno scrittore palestinese.

È un saggista e scrittore ateo palestinese, scienziato politico e fondatore del Consiglio degli Ex-musulmani di Francia.

Ha guadagnato notorietà internazionale nel 2010, quando è stato arrestato, imprigionato e torturato A causa degli articoli che ha pubblicato, critico dell'Islam.

Critico e dissidente, è oggetto di polemiche e minacce. È uno dei cyberattivisti più pubblicizzati del mondo arabo e ora vive in Francia, dove cercò rifugio e dove si posizionò come difensore dei suoi valori repubblicani e del secolarismo. È l'autore di un'autobiografia Blasfemo! Le prigioni di Allah

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre 2010 viene arrestato dall'autorità Palestinese per presunta blasfemia contro l'Islam su Facebook; il suo arresto ha attirato l'attenzione internazionale.

In seguito fugge in Francia, dove fa domanda di asilo con successo. Nel 2013 ha fondato il Consiglio degli ex-musulmani di Francia e nel 2015 ha scritto il libro autobiografico Blasfemo! Le prigioni di Allah.

Altri interventi[modifica | modifica wikitesto]

n un'intervista pubblicata nel 2017 da Causeur20, di fronte a ciò che analizza come un processo di islamizzazione della Francia, Waleed Al-Husseini sottolinea "la collaborazione delle nostre élite, in particolare a sinistra", confuta l'espressione "moderato musulmano "(" Non esiste "), e denuncia i musulmani che non protestano contro l'islamismo perché il loro" silenzio diventa complice ".

Questi temi sono sviluppati nel suo secondo libro, Un tradimento francese: i collaborazionisti dell'islam radicale, svelati, pubblicati nel 2017. C'è "il processo della nuova collaborazione francese21" e "denuncia con veemenza che la Francia che accoglie, persino, con l'islamismo5, è a rischio di mettere in pericolo i valori della Repubblica5.

Attività sul suo blog e su Facebook[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicazione sotto il nome di Waleed al-husseini su Facebook e sul suo blog personale, al-Husseini, il New York Times, "ha alimentato la furia dei musulmani nella blogosfera, promuovendo l'ateismo, parodiando versetti coranici, difendendo la vita del profeta Maometto mentre chiacchierava sarcasticamente online sotto il nome di Dio Onnipotente, Dio Onnipotente. "

Nel suo saggio Perché ho lasciato l'Islam nel suo primo blog Noor al-Aqel (luce della ragione o salvia), Al-Husseini ha scritto che i musulmani "ritenuto che chi abbandona l'Islam è un agente o spiare le retribuzioni dei paesi occidentali, in particolare Israele ... Non si rendono conto ancora che qualcuno è libero di credere ciò che gli si addice. "

Al-Husseini insiste sul fatto che ciò non significa che il cristianesimo o il giudaismo sarebbe meglio dell'islam; a suo parere, tutte le religioni consistono in "un miscuglio di leggende e sciocchezze allucinatorie, tutte in competizione per il podio della stupidità. Rifiuta l'idea che l'Islam sia una religione di tolleranza, equità sociale e uguaglianza. Egli ha anche criticato il trattamento delle donne sotto l'Islam, i suoi handicap (le sue barriere) creatività umana ei presunti miracoli scientifici che contengono la Coran10.

I gruppi di Facebook che ha creato pubblicano centinaia di commenti indignati, minacce di morte e segnalano la costituzione di più di una dozzina di gruppi di Facebook contro di lui. Al suo apice, il blog in lingua araba di Al-Husseini attira più di 70.000 visitatori11.

Arresto e reclusione[modifica | modifica wikitesto]

Per diversi mesi, Al-Husseini frequenta un cyber café a Qalqilyah7. Il proprietario locale, Ahmed Abu Asab, trova le sue attività sospette: "A volte era lì fino a dopo mezzanotte, più di otto ore di fila, ancora seduto in un angolo. Era molto riservato. Non ha mai voluto che guardassimo il suo schermo12. Usando software di sorveglianza, Abu Asab scopre gli scritti "sacrilchi" di Al-Husseini. Abu Asab dice che lui e altri tre amici sapevano cosa stava facendo Al-Husseini e che "forse qualcuno" avrebbe informato le autorità6.

Una volta che l'Autorità Palestinese è stata notificata, i suoi funzionari la seguono per diverse settimane. Il 31 ottobre 2010, Al-Husseni viene arrestato mentre si trova nel cyber café7. Nel novembre 2010, l'agenzia di stampa Ma'an News Agency ha riferito la prima volta l'arresto del "blogger controverso i cui post di Facebook infuriano alcuni musulmani". 6,13

La sicurezza dell'Autorità palestinese non fornisce spiegazioni ad Al-Husseini quando è stato arrestato. Secondo un esperto palestinese per i diritti umani, se Al-Husseini sarà accusato, sarà accusato in conformità con una legge giordana del 1960 contro la diffamazione della religione ancora in vigore in Cisgiordania. Tayseer Tamimi, ex giudice capo islamico della regione, afferma che al-Husseini è la prima persona arrestata in Cisgiordania per le sue convinzioni religiose.

Nel dicembre 2010, una fonte della sicurezza palestinese ha detto che Al-Husseini continuerà a rimanere in carcere per la sua stessa protezione: "È impossibile liberarlo perché ha paura che la sua stessa famiglia lo uccida. "

Human Rights Watch chiede all'Autorità palestinese di accusarlo o rilasciarlo, ricordando che tenerlo sotto custodia per oltre 72 ore viola le leggi palestinesi.

Dopo dieci mesi di reclusione, Al-Husseini viene rilasciato su cauzione, ma a volte viene arrestato e poi trattenuto dalla Sicurezza diversi giorni ogni volta. È torturato durante uno di questi casi di custodia della polizia. Anche i funzionari della sicurezza dell'Autorità palestinese hanno distrutto i suoi due computer e gli hanno ordinato di smettere di pubblicare le sue opinioni su Internet15.

Nella sua autobiografia Blasphemator !, Al-Husseini spiega che, temendo per la sua sicurezza a causa di reazioni negative a se stesso, si congedò dalla sua famiglia (che, a suo parere, non capiva il suo ateismo, ma lo sosteneva ancora come loro figlio) e andò in Giordania, dove cercò asilo presso l'ambasciata francese. Dice di essere stato condannato a sette anni e mezzo di carcere in sua assenza.

Ora vivendo in Francia, fondò il Consiglio degli Ex-musulmani di Francia, ispirato al Consiglio degli Ex-musulmani della Gran Bretagna e degli ex musulmani del Nord America, e scrisse un libro sulle sue esperienze pubblicate poco dopo il attacchi terroristici di gennaio 2015 a Parigi. I suoi articoli appaiono su riviste e giornali francesi ed è stato invitato a parlare in televisione. Egli chiede in particolare la difesa dei principi della laicità e il diritto di poter criticare la religione fondamentalista, incluso il diritto di discutere liberamente di testi religiosi, che secondo lui alcuni versi sono usati dagli estremisti per giustificare le loro azioni.

Creazione della CEMF (Consiglio degli ex musulmani di Francia)[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 luglio 2013, Waleed Al-Husseini e una trentina di altri ex-musulmani hanno fondato il Consiglio degli ex musulmani in Francia16, ispirato da iniziative analoghe17, in particolare in Gran Bretagna nel 2007 (al Council of Ex-Muslims of Britain). ), in Germania nel 2007 ((fr) Zentralrat der Ex-muslime) e negli Stati Uniti nel 2013 ((in) Ex-musulmani del Nord America).

Questo consiglio è presentato come "composto da atei, liberi pensatori, umanisti ed ex musulmani che prendono posizione per incoraggiare la ragione, i diritti universali e il secolarismo. Si oppone a "ogni discriminazione e ogni maltrattamento" che giustifichi il "rispetto per la religione", richiede "la libertà di criticare le religioni" e "il divieto di usi, regole, cerimonie o attività religiose che sono incompatibile con o violare i diritti e le libertà dei popoli. Afferma anche "il divieto di qualsiasi usanza culturale o religiosa che ostacola o si oppone all'autonomia, alla volontà e all'uguaglianza delle donne. Il CMS condanna "qualsiasi interferenza da parte di qualsiasi autorità, famiglia o genitore o dalle autorità ufficiali, nelle vite private di donne e uomini e nelle loro relazioni personali e emotive e sessuali" 18.

A questo proposito, Waleed Al-Husseini è stato invitato dalla Francia Inter nel programma Ils changent le monde19.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN313532254 · ISNI (EN0000 0004 4548 8601 · LCCN (ENno2017080107 · GND (DE1089821964 · BNF (FRcb169635853 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2017080107