Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Uadi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Wadi)
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Wadi" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Wadi (disambigua).
Uadi nell'Oman
Uadi nel Negev (Israele)

L'uadi[1][2], al plurale gli "uidian"[3] (in arabo: وادي‎, wādī, pl. وديان, widyān), è il letto di un torrente, quasi un canyon o canalone in cui scorre (o scorreva) un corso d'acqua a carattere non perenne. Si trova generalmente nelle regioni desertiche, ad esempio nel Sahara o nei deserti della Penisola araba.

Nella toponomastica nordafricana il nome compare spesso come wad (con ortografia francese oued), secondo la tipica pronuncia della parola nei dialetti maghrebini. Questo termine, utilizzato anche nella penisola iberica all'epoca della dominazione islamica, è ancora presente (con qualche modificazione fonetica) nel nome di alcuni fiumi, come il Guadalquivir (da wad al-Kabir "fiume grande"), Guadiana (da wadi Ana), il fiume Anas dell'antichità, ecc.[4].

Inondazioni lampo[modifica | modifica wikitesto]

In occasione di forti piogge - a sviluppo prevalentemente locale e occasionale - lungo il suo bacino idrografico oppure alla sorgente, l'alveo del torrente si riempie in breve tempo di acque (inondazione lampo) che assumono un regime accidentato e tumultuoso per un periodo determinato dall'esaurimento della scorta d'acqua prodotta dalle condizioni climatiche originanti il fenomeno. Gli uadi fossili sono le testimonianze di remoti corsi d'acqua, quando il clima era più piovoso.

Nel 1904, la scrittrice svizzera Isabelle Eberhardt morì travolta dalle acque di una piena improvvisa di un uadi che distrusse la parte bassa di Ain Sefra (Algeria) dove ella risiedeva.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cfr. il lemma "uadi" sul dizionario Treccani
  2. ^ Cfr. il lemma "uadi" sull'enciclopedia Treccani
  3. ^ Cfr. il lemma "uidian" sul dizionario Treccani
  4. ^ (ES) José María Blázquez, Topónimos romanos de España y equivalencia actual, in Ciclos y Temas de la Historia de España: la Romanización, vol. 2, Madrid, Ediciones Istmo, 1974, ISBN non esistente. URL consultato il 5 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 19 giugno 2014).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Geografia Portale Geografia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di geografia