WASP-1

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
WASP-1
WASP-1.jpg
Foto di WASP-1
Classe spettraleF7V
Distanza dal Sole1239 anni luce
CostellazioneAndromeda
Coordinate
(all'epoca J2000.0)
Ascensione retta00h 20m 40s
Declinazione31° 59′ 11.79″
Dati fisici
Raggio medio1,382 R
Massa
1,24 M
Temperatura
superficiale
6.200 K (media)
Luminosità
2,4 L
Dati osservativi
Magnitudine app.+11,79
Magnitudine ass.+3,61[1]
Nomenclature alternative
TYC 2265-107-1, 2MASS J00204007+3159239, USNO-B1.0 1219-00005465, GSC 02265-00107

Coordinate: Carta celeste 00h 20m 40s, +31° 59′ 11.79″

WASP-1 è una stella di dodicesima magnitudine nella costellazione di Andromeda; dista oltre 1200 anni luce dal Sole è ed una stella bianca di sequenza principale, con un diametro 1,38 quello solare e una massa del 25% superiore. La sua peculariarità è quella di presentare un alto grado di metallicità.

Attorno ad essa orbita l'esopianeta WASP-1b. È stata la prima stella con pianeti extrasolari scoperta dal programma SuperWASP.

Osservazione[modifica | modifica wikitesto]

Cercle rouge 100%.svg
Andromeda IAU.svg
La posizione di WASP-1 nella costellazione di Andromeda.

Come le altre stelle della propria costellazione, il periodo migliore per la sua osservazione nel cielo serale ricade nei mesi compresi fra fine agosto e dicembre; nell'emisfero nord è visibile anche fino alla metà dell'inverno, grazie alla declinazione boreale della stella, mentre nell'emisfero sud può essere osservata limitatamente durante i mesi della primavera australe.

La sua posizione moderatamente boreale fa sì che questa stella sia osservabile specialmente dall'emisfero nord, in cui si mostra alta nel cielo nella fascia temperata. Essendo di dodicesima magnitudine, non è osservabile ad occhio nudo e nemmeno con binocoli, ma occorre un telescopio di almeno 150-200 mm per poterla scorgere.[2]

Sistema WASP-1[modifica | modifica wikitesto]

La scoperta del pianeta, un gigante gassoso avente una massa dell'89% di quella gioviana, è stata effettuata con il metodo del transito, che rileva una diminuzione della luminosità della stella quando il pianeta transita davanti al suo disco; la diminuzione della luminosità stellare ogni 2,5 giorni, periodo di rivoluzione del pianeta, è di 0,013 magnitudini[3]

Nome Massa Semiasse maggiore Periodo orbitale
WASP-1 b 0,89 (± 0,2)MG 0,0382 (± 0,0013) UA 2,51997 (± 0,00016) giorni

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni