Vittorio Piva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Vittorio Piva (Belgirate, 1875Roma, 1907) è stato un giornalista italiano.

Figlio del generale garibaldino Domenico Piva e di Carolina Cristofori, fu giornalista e militante socialista.

Redattore dell'"Eco dei Lavoratori" di Padova, prese parte come volontario alla guerra greco-turca del 1897.

Coinvolto nella repressione del maggio 1898, fu condannato in contumacia e si rifugiò prima a Berlino, poi a Bruxelles, stringendo rapporti di amicizia con Wilhelm Liebknecht ed Emile Vandervelde.

Tornato in Italia nel 1900, fu direttore del "Secolo Nuovo" di Venezia, per poi passare alla redazione romana dell'Avanti!.

Passò poi a dirigere, con Savino Varazzani, il settimanale "Avanti! della Domenica", supplemento culturale del quotidiano socialista.

Così lo ricorderà Filippo Turati:[1]

« Era un giovane, era un combattente, ed era un valoroso. A Roma, dopo aver lavorato nei giornali socialisti del nativo suo Veneto, e poi nell'Avanti!, aveva assunto la redazione dell'”Avanti! della Domenica"”, dandogli una impronta nuova, originale, sempre elevata. I suoi sforzi per dotare il socialismo italiano di un organo letterario indipendente, non volgare, dove collaborassero i migliori ingegni del partito, non erano stati coronati dal successo ch'egli sperava e meritava. L'impresa era giornalisticamente riuscita, ma commercialmente si trascinava a grandi stenti. La malattia lo colse e lo stroncò mentre lottava strenuamente, senza darsi vinto.

Polemista fiero, elegante, cavalleresco, carattere che non sapeva le viltà e reagiva ad esse con accenti di sdegno non mentito. Aveva, tra i primi, contrastato al facilismo, all'arrivismo, al demagogismo, che inquinano ogni partito che si allarga. Avrebbe voluto un socialismo tutto schiettezza ed austerità... Era troppo tardi, o troppo presto! »

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Citazione riportata in Paolo Bolpagni, Arte, socialità, politica. Articoli dell''“Avanti della Domenica"” 1903-1907, pp. 15-16.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Antonello Nave, Vittorio Piva volontario garibaldino e socialista, in «Camicia Rossa», XXVII, 3-4, luglio-dicembre 2007, pp. 21-23.
  • Antonello Nave, Vittorio Piva e il settimanale socialista l'«Eco dei Lavoratori» di Padova, in «Archivio Veneto», serie V, CLXIX, 2007, pp. 75-102.
  • Paolo Bolpagni, L'arte nell'Avanti della Domenica 1903-1907, Edizioni Gabriele Mazzotta, Milano 2008.
  • Paolo Bolpagni, Vittorio Piva e l'Avanti della Domenica, in Paolo Bolpagni, Arte, socialità, politica. Articoli dell'Avanti della Domenica 1903-1907, Fondazione Anna Kuliscioff - EDIFIS, Milano 2011, pp. 13-43.
  • Paolo Bolpagni, Vittorio Piva e l'Avanti! della Domenica, in Mondoperaio, 2, Roma, febbraio 2012, pp. 93-95.
  • Antonello Nave, “Viva il Socialismo!”. Notizie sul giovane Vittorio Piva e una lettera al fratello Gino, in «Almanacco. Rassegna di studi storici e di ricerche sulla società contemporanea», XXXIII, 63-64, dicembre 2014 (http://www.istitutomarani-almanacco.it/doc/Almanacco_63_64_definitivo.pdf)
Controllo di autorità SBN: IT\ICCU\SBLV\211149