Vittorio Mallozzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Vittorio Mallozzi (Anzio, 22 ottobre 1909Roma, 31 gennaio 1944) è stato un operaio, antifascista e partigiano italiano, combattente nella Guerra Civile Spagnola e giustiziato a Forte Bravetta; medaglia d'oro al valor militare.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Entrato a far parte dell'organizzazione clandestina romana del Partito Comunista Italiano, Vittorio Mallozzi ne divenne il caposettore nei rioni di Roma. Nel 1934, per sfuggire all'arresto, fu costretto a riparare in Francia a Montreuil sur Bois, dove svolse un'intensa attività politica[1]. Nel 1936 si arruolò volontario per combattere contro i franchisti nella Guerra civile spagnola, nella colonna Picelli. Assorbita quest'ultima nel più ampio battaglione Garibaldi, Mallozzi fu nominato Commissario politico della 2ª Compagnia, di cui assunse il comando nella battaglia di Brunete[1]. Nell'ottobre del 1938 fu costretto a rientrare a Parigi, essendo rimasto invalido in un incidente stradale[1]. Dopo l'occupazione tedesca della Francia fu internato a Saint Cyprien, Gurs e Le Vernet, poi in Italia a Ventotene[1]. Fu liberato dopo la caduta del fascismo.

Dopo l'8 settembre entrò nella resistenza romana. Caduto nelle mani dei tedeschi fu condannato a morte dal Tribunale militare straordinario, insieme ad altri nove partigiani combattenti, "perché preparavano atti di sabotaggio contro le forze armate germaniche e capeggiavano altri attentati contro l'ordine pubblico della città di Roma[2].

Fu fucilato a Forte Bravetta, da militi della Polizia dell'Africa Italiana, il 31 gennaio 1944. Una lapide lo ricorda all'interno del borghetto romano di Valle Aurelia, dove svolse il suo mestiere di fornaciaio.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valor militare
«Rientrato in Italia l'8 settembre 1943 per combattere l'oppressore della Patria si arruolava in una formazione partigiana e, pur coprendo un posto di comando, partecipava volontariamente alle imprese più rischiose sempre primo tra i primi ed audace tra gli audaci. Catturato dai nazifascisti durante la preparazione di un ardito colpo di mano, veniva condannato a morte e mentre era portato sul luogo della pena lanciava al nemico parole di disprezzo e gridava ai posteri la sua fede nella resurrezione della Umanità oppressa.»
— Roma, 10 gennaio 1944.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d La Spagna nel nostro cuore.1936-1939, tre anni di storia da non dimenticare. Edito a cura dell'AICVAS, Associazione italiana combattenti volontari antifascisti di Spagna, Milano, 1996, p. 281
  2. ^ Sito ANPI

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]