Vittorio Basaglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Vittorio Basaglia (Venezia, 19 agosto 1936Pinzano al Tagliamento, 25 febbraio 2005) è stato un artista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Insegnante all'Accademia di belle arti di Urbino e all'Accademia di belle arti di Venezia, cugino dello psichiatra Franco Basaglia, fu promotore a Trieste di un laboratorio artistico collettivo e creatore della statua "Marco Cavallo", simbolo della fine dell'isolamento dei malati mentali. Ha vissuto gli ultimi venti anni della propria vita a Valeriano di Pinzano al Tagliamento, fino alla morte avvenuta il 25 febbraio 2005.[1][2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Psichiatria: morto Vittorio Basaglia, il "papà" di Marco Cavallo [collegamento interrotto], su Vita.it, 2 marzo 2005.
  2. ^ Scheda sul sito artearke.com Archiviato il 20 luglio 2012 in Internet Archive.
Controllo di autoritàVIAF (EN46033142 · ISNI (EN0000 0000 6153 0479 · SBN IT\ICCU\RAVV\033746 · LCCN (ENn96084772 · GND (DE174368003 · BNF (FRcb12952049v (data) · BAV ADV12087651 · WorldCat Identities (ENn96-084772