Vis medicatrix naturae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il motto vis medicatrix naturae (che significa «forza guaritrice della natura», anche conosciuto come il principio della natura medica) è una traduzione latina del greco νόσων φύσεις ἰητροί, attribuito a Ippocrate.[1] L'espressione riassume uno dei principi guida della medicina ippocratica secondo cui gli organismi contengono “poteri innati di auto-guarigione”.

Ippocrate[modifica | modifica wikitesto]

Ippocrate riteneva che un organismo non fosse passivo o inerte nei confronti delle ferite o della malattia, ma fosse attivamente capace di interagirvi e riequilibrarsi. Lo stato di malattia, in tal senso, non è che uno sforzo del corpo di ripristinare un equilibrio disturbato. È proprio questa capacità degli organismi di correggere gli squilibri che li distingue dalla materia non vivente.[2]

Da qui si ha l'approccio medico che vede nella natura “il miglior medico” o la “guaritrice della malattia”. Ippocrate pensava perciò che lo scopo principale di un medico fosse quello di aiutare la tendenza naturale del corpo, osservandone i movimenti, rimuovendone gli ostacoli alle sue reazioni e permettendo così all'organismo di recuperare la salute.[3] Questo viene evidenziato nelle pratiche ippocratiche quali il salasso in cui un eccesso di un umore percepito viene rimosso, riuscendo così ad aiutare a riequilibrare gli umori del corpo.[4]

Rinascimento e storia moderna[modifica | modifica wikitesto]

Dopo Ippocrate, l'idea della vis medicatrix naturae continua a svolgere un ruolo chiave in medicina. Nel primo rinascimento, il medico e scienziato Paracelso ebbe l'idea di “balsamo interno”. Thomas Sydenham, nel XVIII secolo considerava la febbre come una forza guaritrice della natura.[3]

Nel XIX secolo, la vis medicatrix naturae viene ad essere interpretata come vitalismo e in questa forma è venuta a costituire la struttura di base di discipline quali omeopatia, chiropratica, idropatia, osteopatia e naturopatia.[5] Come notato da Bynum, se "si cerca su Internet vis medicatrix naturae, si troverà come risultato ciò che adesso chiamiamo con garbo medicina 'alternativa' o 'complementare'"[5].

In relazione all'omeostasi[modifica | modifica wikitesto]

Anche la nozione di Walter Cannon di omeostasi trae origine dalla vis medicatrix naturae. "Tutto ciò che ho fatto finora, rivedendo i vari dispositivi protettivi e stabilizzanti del corpo, è presentare un'interpretazione moderna della vis medicatrix naturale".[6]. In questo, Cannon si trova in contrasto con Claude Bernard (padre della moderna fisiologia), e la sua idea originaria di milieu interieur che egli propose per rimpiazzare le teorie vitalistiche riguardanti il corpo.[6] Tuttavia, entrambe le nozioni di omeostasi e milieu interieur sono strettamente attinenti alla fisiologia del corpo piuttosto che a concetti filosofici.

In relazione alla medicina evolutiva[modifica | modifica wikitesto]

Più recentemente, la medicina evoluzionistica ha identificato molti sintomi medici quali febbre, infiammazione, comportamento malato e nausea mattutina quali adattamenti evolutivi funzionanti come la medicatrix naturae darwiniana , selezionati come mezzi volti a proteggere, guarire o ristabilirsi da ferite, infezioni o malattie.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) H. Hiroshi, On Vis medicatrix naturae and Hippocratic Idea of Physis, in Memoirs of School of Health Sciences, Faculty of Medicine (Kanazawa University), vol. 22, 1998, pp. 45-54. URL consultato il 28-02-2011 (archiviato dall'url originale il 10 giugno 2008).
  2. ^ (EN) C. M. A Grube, Greek medicine and the Greek genius, in Phonix JSTOR, vol. 8, 1954, pp. 123-135. URL consultato il 28-02-2011.
  3. ^ a b (EN) M. Neuburger, An Historical Survey of the Concept of Nature from a Medical Viewpoint, in Isis, vol. 35, nº 1, 1944, pp. 16–28. URL consultato il 28-02-2011.
  4. ^ (EN) M. Neuberger, The doctrine of the healing power of nature throughout the course of time, in Homeopathy College, New York, 1932, OCLC 10366814.
  5. ^ a b (EN) W. F. Bynum, Nature's helping hand, in Nature, vol. 414, nº 21, 2001, p. 21, PMID 11689921.
  6. ^ a b (EN) S. T. Cross, W. R. Albury, Walter B. Cannon, L. J. Henderson, and the Organic Analogy, in Osiris, vol. 3, nº 21, 1987, p. 165-192. URL consultato il 28-02-2011.
  7. ^ (EN) R. M. Nesse, G. C. Williams, Why We Get Sick: The New Science of Darwinian Medicine, in Vintage Books, New York, 1994, ISBN 0-679-74674-9.