Vicus Armilustri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il Vicus Armilustri (vico dell'Armilustro) era una strada dell'antica Roma che correva sulla sommità dell'Aventino.

Prendeva il nome dal luogo dove si svolgeva il rito omonimo dell'Armilustrium, una festività in onore di Marte, dio della guerra, celebrata il 19 ottobre[1].

È citato nella Base Capitolina[2] e in un'iscrizione dedicatoria[3].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il vico corrispondeva probabilmente all'odierna via di Santa Sabina, parallelamente al lato del colle fronteggiante il Tevere[1].

Si doveva staccare dal Clivus Publicius (odierno Clivo dei Publicii) e doveva terminare all'incirca nell'attuale Piazza dei Cavalieri di Malta.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Armilustrium, in: (EN) Samuel Ball Platner (completato e rivisto da Thomas Ashby), A Topographical Dictionary of Ancient Rome, Londra, Oxford University Press, 1929, p. 54.
  2. ^ CIL VI, 975
  3. ^ CIL VI, 802

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]