La scala del sogno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Up the Ladder)
La scala del sogno
Titolo originale Up the Ladder
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 1925
Durata 61 min
Dati tecnici B/N
rapporto: 1,33 : 1
film muto
Genere drammatico
Regia Edward Sloman
Soggetto dal lavoro teatrale Up the Ladder (New York, 6 marzo 1922) di Owen Davis
Sceneggiatura Tom McNamara
Grant Carpenter (adattamento)
Casa di produzione Universal Jewel
Distribuzione (Italia) Universal
Fotografia Jackson Rose
Interpreti e personaggi

La scala del sogno (Up the Ladder) è un film muto del 1925 diretto da Edward Sloman.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Jane Cornwall, una giovane ereditiera innamorata di James Van Clinton, sacrifica parte della sua cospicua fortuna per finanziare le ricerche del fidanzato. James, così, può mettere a punto la sua invenzione, la Tele-vision-scope, che incontra un grande successo, permettendogli di poter sposare Jane. Dopo cinque anni, però, James comincia a trascurare sia la moglie che il lavoro. Le sue attenzioni vanno a Helen Newhall, la migliore amica della moglie. Jane, a conoscenza della relazione, decide di non intervenire. Il marito si trova alle prese con una nuova crisi finanziaria e deve ricorrere di nuovo al denaro di Jane. Ma la moglie, a questo punto, prende in mano le redini dell'azienda mettendo lui in posizione subordinata. James rimette la testa a posto: lavorando duro, torna a capo dell'azienda. E si riconcilia con la moglie.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu prodotto dall'Universal Pictures (con il nome Universal Jewel). Venne girato in California all'Universal Studios, al 100 di Universal City Plaza, a Universal City[1].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Distribuito dall'Universal Pictures (con il nome Universal Jewel), il film uscì nelle sale cinematografiche USA il 3 maggio 1925. Venne distribuito anche in Portogallo il 29 dicembre 1927 con il titolo O Último Degrau[2]. In Italia, distribuito dall'Universal in una versione di 1.635 metri, ottenne nel febbraio 1926 il visto di censura 22427[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Clive Hirschhorn, The Universal Story, Octopus Books - London, 1983 ISBN 0-7064-1873-5, pag. 50

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema