Unionismo in Irlanda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Con Unionismo in Irlanda si intende una ideologia che favorisce il mantenimento o il rafforzamento di legami politici e culturali tra l'Irlanda (spesso, da quando l'Irlanda del sud ha ottenuto l'indipendenza come Repubblica d'Irlanda, si intende Irlanda del Nord) e la Gran Bretagna.

Le relazioni politiche tra britannici e Irlandesi hanno raggiunto il loro picco nell'Atto di Unione che creò il Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda. Nel 1922, le 26 contee del sud dell'Irlanda ottennero l'indipendenza dal Regno Unito. Le rimanenti 6 contee si costituirono nel territorio dell'Irlanda del Nord e rimasero parte del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda. Unionismo e Unionismo dell'Ulster, come è conosciuto oggi, si riferiscono in maniera indissolubile alle relazioni tra Irlanda del Nord e Gran Bretagna. L'Unionismo non ha presenze evidenti nel resto dell'Irlanda.

L'Unionismo e la sua ideologia opposta, il nazionalismo irlandese, sono associati a particolari comunità etniche e religiose: i protestanti di origine inglese o scozzese (di cui molti migrarono in Irlanda durante la colonizzazione dell'Ulster) e i cattolici indigeni dell'isola. Queste generalizzazioni non sono rigide perché esistono protestanti nazionalisti e cattolici unionisti.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]