Unione Corale La Spezia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Unione Corale La Spezia
Unione Corale La Spezia
Nazione Italia Italia
Città La Spezia
Direttore Sergio Chierici
Organico misto
Repertorio Polifonia repertorio operistico
Periodo attività 1919-in attività

L'Unione Corale La Spezia è un coro attivo alla Spezia dal 1919.

È una antica istituzione musicale cittadina. Fra i suoi direttori vi sono stati Gabriella Rossi, Mario Fiorentini, Loris Gavarini, Enrico Salines e Domenico Cortopassi. Dal 2011 è diretta da Sergio Chierici.

Il repertorio spazia dalla musica polifonica classica, sia sacra sia profana, all'opera lirica.

La corale è inoltre impegnata nella diffusione delle composizioni di musicisti spezzini, dai più antichi ai contemporanei.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1891 si costituiva a La Spezia, con sede al Collegio vecchio - l'antico monastero delle monache Clarisse - la Società corale e orfeonica, la prima associazione corale avente stabile formazione presente in città[senza fonte].

L'Unione Corale nacque il 20 febbraio 1919 dalla fusione delle società corali “La Spezia”, “Giuseppe Verdi” e “Gioachino Rossini” in un unico coro di sole voci virili. In occasione della visita del Re d'Italia alla Spezia, nel maggio 1923, i festeggiamenti inclusero un concerto dell'Unione Corale e della Banda del Corpo Reali Equipaggi ai Giardini.

Nel luglio 1926 l'Unione Corale, diretta dal maestro Fidelio Finzi vinse il 1º Premio al concorso nazionale corale di Prato ottenendo il medaglione del Principe ereditario e la coppa del Capo del governo.

Un incendio, divampato nella sua sede nel gennaio del 1929, distrusse il patrimonio sociale dell'Unione Corale, che fu così costretta a ridurre al minimo la sua attività. Tra il 1936 e il 1937, l'Unione Corale fu attiva sia come scuola di canto corale, con un complesso madrigalistico di 45 voci, sia come Scuola di musica, con un'orchestra sinfonica di 40 elementi, inclusa una sezione ricreativa. Nell'ottobre del 1937 consegnò a Benito Mussolini due dischi contenenti il Coro del pane, la Canta del Fronte e Ignoto Militi, raccolti in un cofanetto ligneo scolpito da Italo Bernardini, che erano stati registrati l'anno precedente presso la Odeon per l'EIAR; dopo la Liberazione, ritornata autonoma, la Corale offrì il primo concerto postbellico cittadino il 18 ottobre del 1945.

L'Unione Corale ha continuato poi a prendere parte alle rappresentazioni liriche e nel contempo a organizzare concerti e a partecipare a rassegne. Nel settembre 1967 si aggiudicò il 3º premio al 2º Festival Nazionale Corali Polifoniche “Città di Orvieto” e il 28 ottobre 1968 ottenne il 1º premio alla Rassegna Nazionale di polifonia vocale per la categoria voci miste indetta a Roma dall'O.R.S.A.M. Maestro del coro: Gabriella Rossi van Ellinkhuizen. Ha istituito un Archivio musicale, contenente anche alcuni inediti.