Una tantum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Una tantum è una locuzione "parzialmente latina"[1] che significa letteralmente «una soltanto». Nel linguaggio corrente italiano indica un evento che si verifica una e una sola volta.

Spesso l'espressione è erroneamente adoperata o intesa per indicare un avvenimento che si verifica sporadicamente, attribuendole quindi il significato di «una volta ogni tanto», probabilmente in virtù dell'assonanza con questa frase italiana.

Casi tipici di una tantum[modifica | modifica wikitesto]

  • Le tasse e imposte deliberate in una singola legge finanziaria, in seguito a oneri eccezionali per il bilancio dello Stato oppure per ridurre l'ammontare del deficit ordinario (fu celebre in Italia quella del 1974, che colpì tutti gli automobilisti).
  • Gli importi di iscrizione o adesione ad associazioni.
  • La caparra dei contratti di locazione.
  • Le somme erogate dal datore di lavoro, per motivi scollegati alla prestazione lavorativa che in Italia avevano un particolar regime che le esonerava dalla contribuzione previdenziale.

La una tantum è utilizzata anche con i piani tariffari di diversi operatori telefonici.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Lingua latina Portale Lingua latina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lingua latina