Un'ottima annata (romanzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un'ottima annata
Titolo originaleA good year
AutorePeter Mayle
1ª ed. originale2004
Genereromanzo
Lingua originale inglese
AmbientazioneProvenza, contemporaneo
ProtagonistiMax Skinner
Altri personaggiFanny, Charlie

Un'ottima annata è un romanzo dello scrittore britannico Peter Mayle. Ha ispirato l'omonimo film con Russell Crowe.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Max Skinner, giovane agente di borsa londinese, viene improvvisamente licenziato. Il sollievo di non aver più nulla a che fare con il suo diretto superiore è guastato dalla preoccupazione del suo conto sempre in rosso. Viene in suo aiuto l'amico ed ex-cognato Charlie, che viceversa ha appena ricevuto una promozione e ha soldi da spendere. Ciliegina sulla torta, arriva una lettera dalla Provenza, da parte di uno studio notarile: lo zio Henry è deceduto e siccome non ha lasciato un testamento, l'erede è il parente più vicino, Max. Il più entusiasta è Charlie, che già pensa alle vigne dell'amico e a come far fruttare l'eredità. Max parte per la Francia, con l'intenzione di firmare i documenti necessari

Arrivato a Saint-Pons, prende subito possesso della vecchia casa dello zio, dove lui stesso, da piccolo, trascorreva le vacanze estive. Un poker di donne segna il suo soggiorno nel Luberon: il notaio con i tacchi a spillo, la domestica curiosa, la proprietaria del ristorante e una giovane americana, che dice di essere figlia illegittima di Henry. Il trono gli è conteso dal fattore della vigna, che con Henry aveva un patto: in cambio della gestione autonoma delle vigne, senza affitto, avrebbe dato metà dei guadagni al titolare. Max si trova a fare i conti con un testamento a suo favore forse invalidato dall'esistenza di una cugina e con una vigna che sembra produrre il vino peggiore della Francia.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]