Umberto Romagnoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Umberto Romagnoli (Bologna, 1935) è un giurista e docente italiano.

Note biografiche[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1970 diviene professore ordinario di diritto del lavoro.[1] Dal 1978 al 1984 è preside della Facoltà di scienze politiche dell'Università di Bologna[1] dove rimane Professore fino all'anno accademico 2008-09. Nel corso della propria carriera Ha svolto un'ininterrotta attività di studi e ricerche sul diritto positivo, approfondendo particolarmente la storia della cultura giuridica del lavoro.

Tra il 1981 e il 1983 partecipa all'esperienza di Laboratorio politico, una rivista fondata da Mario Tronti, in cui discute di lavoro e welfare assieme a Ezio Tarantelli. Dal 1985 è condirettore della Rivista trimestrale "Diritto e procedura civile". Nel 1987 ha fondato la rivista Lavoro e diritto.

Tra il 1996 e il 2006, alcune Università straniere, tra cui Castilla La Mancha, Buenos Aires e la Cattolica del Perù, gli hanno conferito la laurea Honoris Causa[2].

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Norme sull'esercizio del diritto di sciopero nei servizi pubblici essenziali. Art. 40 supplemento Legge 12 giugno 1990, n. 146 con M. Vittoria Ballestrero, 1994, Zanichelli;
  • Il rapporto di lavoro con Giorgio Ghezzi, 1995, Zanichelli;
  • Il diritto sindacale con Giorgio Ghezzi, 1997, Zanichelli;
  • Il lavoro in Italia. Un giurista racconta, 2001, Il Mulino;
  • Giuristi del lavoro. Percorsi italiani di politica del diritto, 2009, Donzelli

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b CV del prof. Umberto Romagnoli, Da SigmondoMalatesta.it, url consultato il 30 luglio 2011
  2. ^ Breve profilo biografico tratto da Unife.it, url consultato il 30 luglio 2011

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN71461110 · LCCN: (ENn81138900 · SBN: IT\ICCU\CFIV\229884 · ISNI: (EN0000 0000 8151 1419 · GND: (DE171159586 · BNF: (FRcb123273911 (data) · BAV: ADV11187335