Umberto Cipollone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Umberto Cipollone

Deputato della Consulta nazionale del Regno d'Italia
Durata mandato 25 settembre 1945 –
24 giugno 1946
Legislature Consulta nazionale

Dati generali
Titolo di studio Laurea in Giurisprudenza
Professione Avvocato

Umberto Cipollone (Lanciano, 20 novembre 188317 gennaio 1961) è stato un avvocato e politico italiano.

Nel novembre del 1924 aderì all'Unione Nazionale di Giovanni Amendola.

Massone, fu gran maestro del Grande Oriente d'Italia in più occasioni. Dapprima fece parte del comitato di maestranza che resse l'istituzione tra il 10 giugno 1944 ed il 1945; succedette in seguito a Guido Laj, divenendo gran maestro pro tempore nel 1949, dopo la morte dello stesso Laj e prima dell'elezione di Ugo Lenzi.

Venne eletto gran maestro il 30 novembre 1957, e rimase in carica fino al 28 maggio 1960. Dal 1944 al 1945 fu reggente sovrano gran commendatore del Supremo Consiglio d'Italia del Rito scozzese antico ed accettato[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Luigi Sessa, I Sovrani Grandi Commendatori e breve storia del Supremo Consiglio d'Italia del Rito scozzese antico ed accettato Palazzo Giustiniani dal 1805 ad oggi , Foggia, Bastogi, 2004, p. 101-106.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Gran maestro del Grande Oriente d'Italia Successore Square compasses.svg
Davide Augusto Albarin 10 giugno 1944 - 18 settembre 1945 (con Guido Laj e Gaetano Varcasia) Guido Laj I
Guido Laj 5 gennaio 1949 - 18 marzo 1949 Ugo Lenzi II
Publio Cortini 30 novembre 1957 - 28 maggio 1960 Giorgio Tron III