Tunnel di Roki

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Mappa della Georgia che mostra l'area di Roka
Mappa dell'Ossezia del Sud, che mostra la posizione del tunnel di Roki

Il tunnel di Roki (chiamato anche tunnel di Roksky, in georgiano როკის გვირაბი?; in osseto: Ручъы тъунел; in russo Рокский туннель?) è un tunnel di montagna della strada Transkam attraverso le montagne del Gran Caucaso, a nord del villaggio di Roka. È l'unica strada che unisce l'Ossezia Settentrionale-Alania in Russia con l'Ossezia del Sud, una repubblica separatista della Georgia. La strada è presidiata nella città di Nizhny Zaramag nell'Ossezia del Nord ed è talvolta indicata come il valico di frontiera Roki-Nizhny Zaramag.

Il tunnel, completato dal governo sovietico nel 1984, è uno dei pochi percorsi che attraversano la catena del Caucaso settentrionale. È a circa 2 000 metri (6 600 ft) di altitudine e la sua lunghezza è di 3,730 metri (12,24 ft), vicino al Passo di Roki a circa 3,000 metri (9,843 ft) di altitudine, utilizzabile solo in estate.[1][2] Le altre strade tra la Georgia e la Russia includono il checkpoint doganale Kazbegi - Verkhni Lars sulla Strada militare georgiana, chiusa nel giugno 2006[3] e riaperta nel 2010, e il valico di Gantiadi - Adler in Abcasia che la Georgia afferma funzioni illegalmente.[4]

Il tunnel è stato rilevante durante il conflitto georgiano-osseto. Le autorità dell'Ossezia del Sud utilizzano i pedaggi riscossi sul traffico in galleria come una delle loro principali fonti di reddito. Il governo georgiano, sostenuto dagli Stati Uniti, chiede da tempo che il lato sud-osseto del tunnel sia posto sotto il controllo di osservatori internazionali, piuttosto che dai secessionisti sud-osseti e dai loro alleati russi.[5] Quando le autorità russe hanno bloccato il posto di blocco doganale di Kazbegi - Verkhni Lars tra giugno 2006 e marzo 2010, il tunnel di Roki era l'unico percorso stradale disponibile dalla Russia all'Ossezia meridionale. Il tunnel è stato utilizzato anche come via di transito di 5 battaglioni della 58ª armata russa durante la guerra dell'Ossezia meridionale del 2008, con un trasferimento in Ossezia di 150 carri armati e artiglieria pesante.[6]

Il tunnel è stato ricostruito dopo i danni causati dalla guerra del 2008.[7] La ricostruzione ha richiesto due anni e mezzo ed è stata completata nell'ottobre 2015.[8] Tutti i costi di ricostruzione sono stati pagati dalla parte russa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) derStandard.at. URL consultato il 3 giugno 2021.
  2. ^ (EN) Roki Tunnel (Georgia/North Ossetia-Alania Republic, 1985), su Structurae. URL consultato il 3 giugno 2021.
  3. ^ Copia archiviata, su groups.msn.com. URL consultato il 3 giugno 2021 (archiviato dall'url originale l'8 settembre 2008).
  4. ^ Copia archiviata, su kommersant.com. URL consultato il 3 giugno 2021 (archiviato dall'url originale il 15 luglio 2006).
  5. ^ Copia archiviata, su channelnewsasia.com. URL consultato il 3 giugno 2021 (archiviato dall'url originale l'11 settembre 2008).
  6. ^ Michael Evans, Georgia: Reckless Saakashvili took on Russian Goliath Putin, in The Times, 11 agosto 2008. URL consultato l'11 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 3 settembre 2008).
  7. ^ (EN) DFWatch staff, Roki tunnel reopened, su Democracy & Freedom Watch, 10 novembre 2014. URL consultato il 3 giugno 2021.
  8. ^ Copia archiviata, su en.skmost.ru. URL consultato il 3 giugno 2021 (archiviato dall'url originale il 18 settembre 2016).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]