Trittico di Modena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Trittico di Modena - Altarolo portatile
AutoreEl Greco
Data1568 circa
Tecnicatempera grassa su tavola
UbicazioneGalleria Estense, Modena

Il Trittico di Modena, noto anche come Altarolo portatile, è un dipinto del pittore cretese El Greco realizzato circa nel 1568 e conservato alla Galleria Estense del Palazzo dei musei a Modena.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il trittico fu realizzato durante il suo primo soggiorno veneziano quando l'artista era giovane. Non si hanno notizie successive fino a che appartenne alla collezione, nel castello del Catajo, del nobile padovano Tommaso Obizzi che alla sua morte (1803) donò agli Este i quali, successivamente, nel 1805 a loro volta fecero dono alla Galleria Estense. Lo storico Rodolfo Pallucchini, nel 1937 diede l'attribuzione a El Greco mediante la firma[1] sul retro del pannello centrale: "Χείρ Δομήνιχου", creato da mano di Domenico[2].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il trittico di inspirazione sacro-devozionale è composto da un esiguo formato. L'altarino è piegabile composto da tre pannelli lignei: quelli laterali, connessi a quello centrale da delle cerniere, fungono da ante. Ogni panello è dipinto sia sul lato frontale che su quello posteriore: per cui sono sei raffigurazioni.

Frontale[modifica | modifica wikitesto]

Le scene sulla parte della facciata, da sinistra a destra, sono l'adorazione dei pastori, l'allegoria di un cavaliere cristiano e il battesimo di Cristo[1].

L'allegoria del cavaliere cristiano viene anche talvolta presa come un'immagine di Cristo che incorona un santo, che alcuni esperti identificano con Teodoro di Eraclea. Insieme a queste figure ci sono le tre virtù teologali (Fede , Speranza e Carità), nonché angeli con i simboli della Passione e, in fondo, il Giudizio Universale[3]

Posteriore[modifica | modifica wikitesto]

Le scene sulla parte posteriore compaiono: l'annunciazione (sinistra), la Veduta del Monte Sinai (centro) e l'Eterno Padre con Adamo ed Eva nel Paradiso (destra)[1].

Da notare che nella Veduta del Monte Sinai è raffigurato il monastero di Santa Caterina in Egitto.

Stile[modifica | modifica wikitesto]

In questo lavoro, El Greco, usa l'oro come impregnazione e non come sfondo, come era consuetudine nell'arte bizantina, e su quello strato applicava i colori in stile veneziano, con una particolare lucentezza dovuta all'uso enfatico della luce[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Artefigurativa, Volumi 1-2, p. 109.
  2. ^ Tazartes, Mauricia, 2005. El Greco (translated in Greek by Sofia Giannetsou). Explorer. ISBN 960-7945-83-2., 25
  3. ^ Salas y Frati 1970, p. 91.
  4. ^ Scholz-Hänsel 2014, p. 16.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Arte Portale Arte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di arte