Triioduro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ione Triioduro
Struttura di Lewis
Modello 3D
Nome IUPAC
Triioduro
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareI3-
Massa molecolare (u)380.71 g mol−1
Numero CASN/A numero CAS non valido
PubChem105054
SMILES
I[I-]I
Indicazioni di sicurezza

Lo ione triioduro è un anione polialogenuro di formula I3. Fa parte dei poliioduri ed è il più semplice di essi.

Viene preparato dissolvendo dei cristalli di iodio in una soluzione di ioduro (solitamente KI):

I2 + I → I3

la reazione, che avviene in eccesso di I, ha Keq= 710.

La reazione è di facile visualizzazione in quanto si ha un netto viraggio dall'incolore al giallo-bruno. Il colore dipende dalla concentrazione: le soluzioni diluite appaiono gialle, mentre aumentando la concentrazione diventano brune.

Struttura e legame[modifica | modifica wikitesto]

Disposizione lone-pairs atomo centrale

Lo ione è lineare e simmetrico. Secondo la teoria VSEPR, l'atomo centrale ha 3 lone pairs equatoriali, e gli atomi terminali sono legati assialmente in forma lineare, dovuto ai tre lone pairs legati all'atomo centrale. Nel modello orbitale molecolare, viene spiegato il legame ipervalente sull'atomo centrale come un legame a 4-elettroni a tre centri. Il legame I−I è più lungo dello Iodio diatomico, I2. Infatti le misure spettroscopiche hanno confermato che la molecola è lineare e planare. Le distanze di legame I−I variano tra 280 e 310 pm a seconda del catione e sono generalmente diverse all'interno della stessa molecola che può quindi essere indicata come Ia−Ib−Ic. Queste variazioni sono riassunte in tabella:

composto Ia−Ib (pm) Ib - Ic (pm) angolo (°)
TlI3 306,3 282,6 177,9
RbI3 305,1 283,3 178,11
CsI3 303,8 284,2 178,00
NH4I3 311,4 279,7 178,55

Usi del triioduro[modifica | modifica wikitesto]

Il triioduro ha numerose applicazioni in quanto costituisce la forma idrosolubile dello iodio, le soluzioni di I3 hanno una reattività analoga all'I2. In chimica analitica le soluzioni di triioduro o la formazione di esso in situ sono sfruttate rispettivamente nella iodimetria e nella iodometria.

In biologia le soluzioni di triioduro prendono il nome di reattivo di Lugol utilizzato come colorante e per riconoscere la presenza di amido (si forma un complesso di colore blu intenso).

La tintura di iodio è una soluzione idroalcolica al 3% di triioduro.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia