Torre del caricatore di Girgenti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Torre del Caricatore
Ubicazione
StatoRegno di Sicilia
Stato attualeItalia Italia
RegioneSicilia Sicilia
CittàPorto Empedocle
Informazioni generali
Visitabile
Informazioni militari
UtilizzatoreRegno di Sicilia
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

La Torre del caricatore (Turris marittimae Agrigenti) è un edificio di origine medievale presente nel centro urbano di Porto Empedocle, in prossimità dell'entrata al porto.

Costruito intorno al XIV secolo (si hanno testimonianze a partire dal 1355), aveva lo scopo di presidiare la costa agrigentina da possibili invasioni saracene.

La torre è stata a lungo adibita a carcere: nel 1848 fu teatro del massacro di 114 detenuti inermi [1], reso noto dal celebre scrittore empedoclino Andrea Camilleri nell'opera "La strage dimenticata". Oggi è adibita a centro artistico-culturale[2]. Il complesso architettonico, a pianta quadrata, è di proprietà del Comune di Porto Empedocle ed è conservato nelle sue parti principali.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La torre è una struttura solidissima dalla forma di piramide tronca costituita da muri molto spessi che misurano 2,60 m per lato.

Le sale interne, illuminate da alcune feritoie, sono coperte da volte a crociera.

L'ingresso principale è di recente fattura, mentre prima per accedere all'interno della torre bisognava utilizzare una scala che portava a 7,00 m di altezza dal piano di calpestio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]