Tomba dei bronzetti sardi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tomba dei bronzetti sardi
BRONZETTO-BIS.jpg
Uno dei bronzetti rinvenuti nella tomba
Localizzazione
StatoItalia Italia
ComuneCanino

La tomba dei bronzetti sardi è una tomba etrusca risalente al IX secolo a.C., scoperta nel 1958 nella necropoli del Mandrione di Cavalupo nel territorio dell'antica città di Vulci, oggi parte del comune di Canino in provincia di Viterbo.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Nella sepoltura sono state rinvenute, disposte in un'unica urna cineraria posta all'interno di una custodia in pietra, le ceneri di due individui di sesso femminile di età diversa (25-35 anni e 8-10 anni) probabilmente imparentati fra loro [1].

Il corredo funerario è piuttosto ricco, composto di numerosi oggetti personali, persino in oro (raro in quell'epoca), quali fibule e altri ornamenti.
I manufatti più importanti di questo corredo sono tuttavia i tre bronzetti nuragici rappresentanti una figura maschile di non chiara interpretazione, un sonaglio-scettro e una cesta. In base a queste evidenze si pensa che le donne fossero di origine sarda e che appartenessero ad un'alta classe sociale (aristocratiche, sacerdotesse).

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]