TeleAppula

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tele Appula
Paese Italia Italia
Lingua Italiano
Data di lancio 1976
Editore [[Cicirelli/Cagnazzi (1976-1986) - Gruppo Ninivaggi SPA (1987-1994) -

Giandomenico Cicirelli (dal 2014)

Diffusione
Terrestre
Analogico PAL, in Puglia

Tele Appula è una emittente televisiva Pugliese nata tra le prime in Italia nel 1976 ad Altamura. Ha trasmesso in tutto il territorio Appulo Lucano sul canali 44 e 46. Dopo molti anni nel 1994 ha smesso le attività televisive. Nel 2014 Giandomenico Cicirelli la riapre con una copertura ben più ampia del passato coprendo tutta la Puglia e Basilicata

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Tele Appula nasce ad Altamura nel 1976 grazie ad una idea di quattro ragazzi Salvatore e Giuseppe Cagnazzi, Salvatore Maggi e Bartolomeo Cicirelli (padre dell'attuale editore Giandomenico Cicirelli). La sede era negli immobili del Teatro Mercadante in via dei mille 149. Alla fine degli anni '80, a causa degli alti costi che la gestione comportava fu al centro di molte manifestazioni d'acquisto societario. Nel corso degli anni le quote societaria furono oggetto di valutazione da diversi potenziali acquirenti ma infine la TV rimase sempre al "gruppo storico".

Nel 1988 Tele Appula ebbe il passaggio definitivo al Gruppo Ninivaggi Spa che acquistò il 100% della proprietà investendo ingenti risorse finanziarie .L'era Ninivaggi si concluse nel seguito alla Legge del Ministro Pagani che non rilascio le concessioni a trasmettere chiudendo definiivamente la storica tv altamurana.

Sin dal 1976 il palinsesto presentava 6 notiziari al giorno "TA Notizie e Tutto Città", il consiglio comunale in diretta con la città che restava sveglia sino alle ore piccole per seguire i lavori. Non mancavano trasmissioni d'intrattenimento molto seguite come "Così così così", "Tanto Per", il "Canta Baby", "Canta Tredici", approfondimenti politici "Tribune elettorali", ampio spazio per lo sport "Non solo Volly" e il Calcio di Tele Appula che segui la storica cavalcata sportiva dell'Altamura calcio dalla promozione fino alla serie C e alla coppa Italia.

I volti più noti erano quelli dei comici Nicola Pignataro, Mariolina De Fano, il Duo Manuel, il conduttore Michele Del Vecchio, giornalisti d'approfondimento come Antonio Natale, Nino Sangerardi, o giornalisti sportivi come Nicola Cicirelli, Michele Guacci, Michele Sardone, Felice Griesi il cantautore Pino Di Modugno, Piero Allegrini, Il Gruppo 74, il gruppo Più o Meno 5 e tanti altri artisti.

Tele Appula ebbe il passaggio definitivo al Gruppo Ninivaggi Spa che acquistò il 100% della proprietà investendo ingenti risorse finanziarie. L'era Ninivaggi, dopo confuse vicende legislative che regolamentavano le concessione ministeriali TV e mutamenti del gruppo stesso, si concluse con la decisione nel 1994 di chiudere definitivamente la storica TV altamurana e l'inizio della procedura fallimentare.

Programmi del passato[modifica | modifica wikitesto]

  • Calcio di Tele Appula
  • Tanto per
  • Parliamo di...
  • Cucina Italiana
  • Storie d'Eccellenze
  • Martedi Sport
  • Piazza Politica
  • Storie Aziendali

La rinascita[modifica | modifica wikitesto]

Tele Appula è stata rilanciata inaspettatamente dopo 20 anni di chiusura da Giandomenico Cicirelli. A distanza di molti anni dalla nascita e dopo anni di chiusura Tele Appula ritorna a trasmettere sul digitale terrestre (DVB-T). La nuova società viene costituita nel 2014 da Giandomenico Cicirelli figlio di Lucio Cicirelli (fondatore nel 1976)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione