Tavoliere (gioco)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tavoliere di una delle prime edizioni di Ludo.

Il tavoliere è un tavolo o un ripiano destinato a un gioco.

In particolare, un tavoliere può essere una tavoletta, un tabellone, una plancia, un piano, un foglio di gioco caratterizzato da riquadri, confini, linee, caselle, suddivisioni, simboli, figure, frecce e scritte destinato ad un particolare gioco[1].

Su di un tavoliere si gioca con pedine, biglie, pioli o dadi. Per estensione con giochi di tavoliere si indicano in senso ristretto i giochi astratti, oppure si amplia il significato ad includere genericamente anche i giochi da tavolo purché dotati di un tavoliere su cui muovere i pezzi[2].

Esso è fisicamente realizzato in materiali quali legno, materie plastiche o con pietre lavorate.

È detta tavoliere anche la schermata di controllo base per videogiochi[senza fonte].

Alcuni esempi di tavolieri destinati a giochi noti hanno nomi particolari: la scacchiera (per giocare a scacchi), la damiera (per giocare a Dama) e il goban (per giocare a Go).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giampaolo Dossena, Giochi da tavolo, Milano, Mondadori, 1984.
  2. ^ * Andrea Angiolino e Beniamino Sidoti, Dizionario dei giochi, Bologna, Zanichelli, 2010, pp. 1056-1057, ISBN 978-88-08-19349-0.
Controllo di autoritàGND (DE4338943-0