Tabula claudiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Oratio Claudii de iure honorum Gallis dando[1]
Lyon-TableClaudienne.jpg
La Tabula claudiana, conservata al Museo gallo-romano di Fourvière, Lione
AutoreClaudio
1ª ed. originale48 d.C.
Genereepigrafe
Sottogenereautobiografico
Lingua originalelatino
AmbientazioneImpero romano
ProtagonistiClaudio

La tabula claudiana, anche detta Tavola di Lione o Oratio Claudii è un'iscrizione latina su bronzo,[2] scoperta nel 1528 a Lione (Lugdunum), che contiene un ampio stralcio di un discorso tenuto dall'imperatore Claudio al Senato nel 48 d.C. In questa orazione Claudio si pronunciava a favore della concessione ai membri dell'elite della Gallia Comata (ovverosia alla Gallia al di fuori della Narbonese, amministrativamente ripartita nelle provincie Lugdunensis, Aquitania, Belgica) di diventare senatori. È custodita al Museo gallo-romano di Lione.

Il discorso è liberamente ripreso anche da Tacito negli Annales.[3]

Contenuto[modifica | modifica wikitesto]

Con questo discorso, Claudio attua una politica di apertura già iniziata cautamente ai tempi di Augusto, esprimendo la sua concezione di un impero universalistico, votato all'integrazione e al consenso dei popoli sottomessi. Per Claudio, la grandezza di Roma consisteva nell'integrarsi culturalmente ai popoli vicini, finiti nell'orbita romana. Dei provinciali il Princeps diventa naturalmente il riferimento. La mossa del conferimento della cittadinanza romana, limitata ai soli primores (cioè alle sole élite galliche), per due cittadini dei quali Claudio perora l'inserimento in Senato, mira tuttavia anche a introdurre uomini a lui fedeli tra i senatori.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ E. Dessau, ILS, 212, vol. 1, 1892
  2. ^ ILS, 212; CIL XIII, 1668
  3. ^ Tacito, Annales, Xi, 23-24

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Antica Roma Portale Antica Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Antica Roma