Synchiropus stellatus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pesce mandarino stellato
Synchiropus Stellatus.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Ordine Perciformes
Sottordine Callionymoidei
Famiglia Callionymidae
Genere Synchiropus
Specie S. stellatus
Nomenclatura binomiale
Synchiropus Stellatus
J. L. B. Smith, 1963

Synchiropus stellatus, conosciuto comunemente come Pesce mandarino stellato, è un pesce d'acqua salata, appartenente alla famiglia dei Callionymidae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Oceano Indiano, Mozambico, Maldive, Sri Lanka, Indonesia.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Raggiunge i 7.5 cm

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Corpo cilindrico rosa chiaro con macchie marrone rosato diffuse. Testa molto evidente come lo sono i bulbi oculari che sporgono al di sopra del capo. Questa caratteristica gli serve per facilitare l'insabbiamento notturno. Privo di squame e dotato di 2 pinne dorsali. Specie molto solitaria, il maschio accetta nel proprio territorio solo individui di sesso femminile. Passa le giornate sui fondali alla ricerca di piccoli crostacei ma senza danneggiare in nessun modo la barriera corallina.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Il maschio è caratterizzato dal forte sviluppo della pinna dorsale anteriore che assume la forma di una sorta di stella decorata. L'accoppiamento dei pesci mandarino avviene di notte simile S. splendidus.

Acquariofilia[modifica | modifica wikitesto]

Pesce adatto alla vita di barriera corallina. È consigliabile inserirlo in vasche da tempo avviate in cui la microfauna è ben sviluppata. Non di semplice allevamento a causa della forte richiesta alimentare. Accetta anche cibo secco o congelato.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Fenner, Robert M.: The Conscientious Marine Aquarist. Neptune City, Nueva Jersey, Estados Unidos: T.F.H. Publications, 2001.
  • Helfman, G., B. Collette y D. Facey: The diversity of fishes. Blackwell Science, Malden, Massachusetts, Estados Unidos, 1997.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]