Substrato (biochimica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Schema dell'ipotesi dell'adattamento indotto tra substrato ed enzima

In biochimica si definisce substrato una molecola sulla quale agisce un enzima: i substrati sono dunque le molecole di partenza nelle reazioni chimiche catalizzate dagli enzimi. Il substrato lega il sito attivo dell'enzima, formando il complesso enzima-substrato; in seguito, il substrato è convertito in un prodotto, quindi rilasciato dal sito attivo, che diventa nuovamente pronto a ricevere il substrato.

Un'equazione generale può essere la seguente:

E + S ⇌ ES → EP ⇌ E + P
(E = enzima, S = substrato/i, P = prodotto/i)

La reazione segue solitamente la cinetica di Michaelis-Menten quando l'enzima non ha caratteristiche allosteriche. Solo il passaggio intermedio (ES → EP) è irreversibile.

Esempi di substrati[modifica | modifica sorgente]

  • Un esempio di substrato è il perossido di idrogeno (noto comunemente come acqua ossigenata), decomposta dall'enzima catalasi secondo la reazione:
2H2O2 → 2H2O + O2
C12H22O11 + H2O → C6H12O6 + C6H12O6
saccarosio (substrato) + acqua (fattore idrolizzante) → glucosio + fruttosio

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]