Spurio Postumio Albino (console 110 a.C.)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Spurio Postumio Albino
Nome originale Spurius Postumius Albinus
Gens Postumia
Consolato 110 a.C.

Spurio Postumio Albino (in latino: Spurius Postumius Albinus; ... – ...) è stato un politico e militare romano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Discendente da una famiglia che diede ben 32 consoli, ricoprì il consolato nel 110 a.C. con Marco Minucio Rufo.

Plutarco[1] cita l'ipotesi secondo la quale Tiberio Gracco, coetaneo di Postumio e suo rivale nell'eloquenza giudiziaria, avrebbe intrapreso la propria carriera politica anche a causa di questa rivalità.

Fu inviato su decreto del Senato a combattere Giugurta re di Numidia, nell'odierna Africa Settentrionale. Nonostante i poderosi preparativi fatti, lasciò ristagnare la situazione fino a che il fratello Aulo Postumio Albino non tentò di intrappolare Giugurta a Suthul. Quando questo tentativo si concluse con la cattura di Aulo Albino e della sua armata, Spurio Albino fu condannato, in seguito al procedimento (quaestio) del tribuno della plebe Gaio Mamilio Limetano.

Tornato a Roma venne screditato dai suoi avversari e dovette difendersi da un processo per corruzione. Assolto, il suo nome tuttavia divenne il simbolo del pressappochismo e della faciloneria di taluni generali romani.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Plutarco, Vite di Agide e Cleomene, Tiberio e Caio Gracco 8, 7-8.
Predecessore Console romano Successore Consul et lictores.png
Publio Cornelio Scipione Nasica Serapione
e
Lucio Calpurnio Bestia
(110 a.C.)
con
Marco Minucio Rufo
Quinto Cecilio Metello Numidico
e
Marco Giunio Silano