Spurio Postumio Albino (console 110 a.C.)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Spurio Postumio Albino
Roman SPQR banner.svg Console della Repubblica romana
Nome originale Spurius Postumius Albinus
Gens Postumia
Consolato 110 a.C.

Spurio Postumio Albino (in latino: Spurius Postumius Albinus; ... – ...) è stato un politico e militare romano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Discendente da una famiglia che diede ben 32 consoli, ricoprì il consolato nel 110 a.C. con Marco Giunio Silano.
Plutarco[1] cita l'ipotesi secondo la quale Tiberio Gracco, coetaneo di Postumio e suo rivale nell'eloquenza giudiziaria, avrebbe intrapreso la propria carriera politica anche a causa di questa rivalità.
Fu inviato su decreto del Senato a combattere Giugurta re di Numidia, nell'odierna Africa Settentrionale. Nonostante i poderosi preparativi fatti, lasciò ristagnare la situazione fino a che il fratello Aulo Postumio Albino non tentò di intrappolare Giugurta a Suthul. Quando questo tentativo si concluse con la cattura di Aulo Albino e della sua armata, Spurio Albino fu condannato, in seguito al procedimento (quaestio) del tribuno della plebe Gaio Mamilio Limetano.
Tornato a Roma venne screditato dai suoi avversari e dovette difendersi da un processo per corruzione. Assolto, il suo nome tuttavia divenne il simbolo del pressappochismo e della faciloneria di taluni generali romani.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Plutarco, Vite di Agide e Cleomene, Tiberio e Caio Gracco 8, 7-8.
Predecessore Console romano Successore Consul et lictores.png
Publio Cornelio Scipione Nasica Serapione
e
Lucio Calpurnio Bestia
(110 a.C.)
con
Marco Minucio Rufo
Quinto Cecilio Metello Numidico
e
Marco Giunio Silano