Snoezelen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Stanza di un bambino in cura con terapia di Snoezelen

Snoezelen è un termine spesso usato come sinonimo di MSE ossia: Multisensory environment. Il termine quindi ha forti componenti ambientali e sta ad indicare la metodologia, messa a punto a metà degli anni '80 da due terapisti olandesi, che prevede la realizzazione di ambienti dedicati a creare focus di attenzione e suggestioni attraenti al fine di promuovere la partner perceived communication tra persone con disabilità intellettive ed operatori.

Negli ultimi anni la metodologia snoezelen ha prodotto interessanti risultati anche con un crescente numero di malati di Alzheimer, in particolare intervenendo favorevolmente nel trattamento dei cosiddetti BPSD, ossia i disturbi comportamentali nella demenza.

In particolare esistono studi di caso in RSA e nuclei Alzheimer in cui vi sono stati evidenti risultati migliorativi nella gestione di momenti critici quali quelli del fare il bagno a malati di Alzheimer.

La progettazione infatti di ambientazioni comprendenti strumenti con richiami all'acqua ( colonne a bolle interattive, acquari finti, nuvole sospese sopra la vasca da bagno, sistemi di vibromusica) consente agli operatori di iniziare veri e propri percorsi di story telling finalizzati ad un avvicinamento tipo "gentle care" che porta il malato ad entrare in acqua consenziente e senza grosse resistenze.

Poi una volta ottenuta l'entrata in vasca, l'acqua svolge la sua potente azione di rilassamento anche attraverso manipolazioni leggere degli operatori e un colloquio che può protrarsi anche per 20 - 30 min

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina