Sinodelphys szalayi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Sinodelphys
Sinodelphys szalayi 7.JPG
Fossile di Sinodelphys szalayi
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Infraclasse Metatheria
Genere Sinodelphys
Specie S. szalayi

Il sinodelfide (Sinodelphys szalayi) è un piccolo mammifero estinto, vissuto nel Cretaceo inferiore (circa 125 milioni di anni fa), i cui resti sono stati rinvenuti in Cina. È considerato il più antico marsupiale scoperto finora.

Fossile e controparte di Sinodelphys szalayi

L'antenato dei marsupiali[modifica | modifica wikitesto]

Lo scheletro del sinodelfide è stato rinvenuto nel giacimento a conservazione eccezionale nella formazione Yixian, nella provincia del Liaoning; questo giacimento ha permesso la conservazione delle impronte della pelliccia e dei tessuti molli. La struttura dello scheletro indica chiaramente che il sinodelfide era un marsupiale molto primitivo, e le zampe fanno presumere che fosse un animale arboricolo, come la contemporanea Eomaia scansoria, rinvenuta nello stesso giacimento e considerata un'antenata dei placentati. Probabilmente il sinodelfide si cibava di insetti e vermi, e cresceva fino a una lunghezza di 15 centimetri e a un peso di 30 grammi.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]