Sindrome di Zelig

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

La sindrome di Zelig, detta anche Zelig syndrome o Zelig-like syndrome (dal nome del protagonista del film Zelig di Woody Allen), è una particolare forma di sindrome da dipendenza ambientale estremamente rara rappresentata da quel nucleo patologico intrinseco a certe personalità che determina una insufficiente funzionalità del sé, mancanza di autenticità nel contatto con la realtà esterna, gravi difficoltà nell'area dell'intersoggettività. Il paziente modifica di continuo il proprio passato e la propria identità, adeguandolo alle persone e agli oggetti con cui di volta in volta entra in relazione, come una sorta di "camaleonte".[1] A differenza della mitomania, il paziente con la sindrome di Zelig ne è completamente inconsapevole.

Nel 1987 Kernberg pubblica un testo illuminante sul piano della psicopatologia, I disturbi gravi della personalità (edizioni Bollati Boringhieri) nel quale affronta e descrive una delle più attuali forme psicopatologiche presenti nella nostra contemporaneità, ovvero il disturbo borderline di personalità.

La caratteristica più evidente di questo quadro psicopatologico è legata al concetto di diffusione dell'identità: la personalità dell'individuo non si sviluppa in modo adeguato e nella maggior parte dei casi ciò è conseguenza di traumi avvenuti in età infantile.

Un caso clinico di sindrome di Zelig, conseguenza di un danno cerebrale fronto-temporale, è stato descritto da tre psichiatri italiani nel 2007[2].

Nelle arti[modifica | modifica wikitesto]

  • Zelig, film del 1983
  • Nell'episodio di Dr. House - Medical Division intitolato Sindrome dello specchio, appare un paziente con una sindrome affine, ribattezzata però nella finzione scenica come "sindrome di Giovannini" (storpiatura del nome di uno dei tre sperimentatori moderni sulla sindrome nella ricerca del 2007, la psichiatra italiana Giovannina Conchiglia, che gli sceneggiatori della serie TV hanno voluto omaggiare indirettamente) o "sindrome dello specchio".
  • Il protagonista della commedia Morte accidentale di un anarchico di Dario Fo ha tale sindrome, all'epoca poco conosciuta e senza nome e chiamata nell'opera "istriomania".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La sindrome di Zelig, su Le Scienze
  2. ^ CONCHIGLIA, G; DELLA ROCCA, G; GROSSI, D: On a peculiar environmental dependency syndrome in a case with frontal-temporal damage: Zelig-like syndrome. Neurocase. 2007 Feb;13(1):1-5 PMID 17454683 DOI: 10.1080/13554790601160558.