Scuola Cairoli Alamanni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Scuola Cairoli Alamanni
Via della colonna, Scuola Cairoli Alamanni 01.JPG
Prospetto principale
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneToscana Toscana
LocalitàFirenze
Indirizzopiazza d'Azeglio
Coordinate43°46′26.37″N 11°15′57.32″E / 43.773991°N 11.265921°E43.773991; 11.265921Coordinate: 43°46′26.37″N 11°15′57.32″E / 43.773991°N 11.265921°E43.773991; 11.265921
Informazioni generali
CondizioniIn uso
CostruzioneXIX secolo

L'edificio della Scuola Cairoli Alamanni si trova a Firenze, all'angolo di piazza d'Azeglio, tra via della Colonna 1 e via Farini 23.

Palazzo Strigelli

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di un edificio di notevoli dimensioni, con prospetto principale su via della Colonna, definito da sette assi su tre alti piani, più un corpo in soprelevazione finestrato e corrispondente alla porzione centrale del palazzo. Ambedue i fronti (quello su via Farini è limitato a cinque assi) si caratterizzano per le superfici definite da lesene, cornici e fasce marcapiano di disegno echeggiante modelli classici, poco rilevate rispetto ai fondi intonacati, di modo che i prospetti sembrano (anche grazie al recente restauro) elegantemente disegnati su superfici piane. Nonostante l'evidente pregio della fabbrica non sono state individuate notizie a indicare l'architetto progettista, mentre per quanto riguarda la sua erezione la si può facilmente collocare nel periodo tra il 1870 e il 1880, successivamente all'apertura della via (1865-1870) e all'urbanizzazione della zona. Come si rileva dal materiale documentario conservato presso l'archivio disegni del Comune di Firenze, l'edificio nasce fin dall'origine con destinazione scolastica (scuola Cairoli), a rispondere alle esigenze di un'area residenziale in rapida espansione. Il palazzo ospita ancora oggi la scuola materna Cairoli Alamanni. Nel cortile il repertorio di Bargellini e Guarnieri segnala un tabernacolo modellato dallo scultore Giannetto Mannucci, del 1963.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Piero Bargellini, Ennio Guarnieri, Le strade di Firenze, 4 voll., Firenze, Bonechi, 1977-1978, I, 1977, p. 343;
  • Guida alla scoperta delle opere d’arte del ‘900 a Firenze, progetto IRRSAE Toscana a cura di Daniela Salvadori Guidi, Firenze, Leo S. Olschki, 1996, p. 98, n. 133.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]