Scudo baltico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Carta strutturale schematica

Per scudo baltico si intende un'estesa massa continentale, prevalentemente granitica, di origine precambriana che occupa gran parte dell'Europa settentrionale. È tra i territori più antichi del continente dal punto di vista geologico. Ne fanno parte la Norvegia, la Svezia, la Finlandia e la Danimarca, nonché Carelia, penisola di Kola, Estonia e Lettonia. È compreso anche il letto del mar Baltico.

Lo scudo baltico è caratterizzato da un orlo occidentale più elevato - le Alpi scandinave - e una vasta depressione centrale, occupata dal mar Baltico.

Durante le glaciazioni lo scudo baltico fu coperto e depresso da immensi ghiacciai, che hanno lasciato una sottile copertura di materiale glaciale (morene, massi erratici ecc.) e innumerevoli laghi e corsi d'acqua. È stato l'effetto del peso di questi ghiacciai a produrre la depressione centrale; oggi, dopo lo scioglimento dei ghiacciai, è in corso un rimbalzo isostatico che provoca un lento innalzamento delle terre emerse e dei fondali marini.

Lo scudo baltico è suddiviso in diverse settori sulla base dell'analisi radiometrica:

  • Kola o Samidi: ultima orogenesi 2,6-2,8 Ma
  • Belomore: ultima orogenesi 2,0 Ma
  • Carelia e Svecofennia: ultima orogenesi 1,8 Ma
  • Sveconorvegia o degli gneiss sud-occidentali: ultima orogenesi 1,0 Ma

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Domenico Cecere, Geografia d'Italia e d'Europa... in tasca, 2ª ed., Napoli, Gruppo Editoriale Simone, 2013, ISBN 978 88 244 3992 3.
Controllo di autoritàGND (DE4233454-8